Confronto tra amministratori e direttore generale

Si sa che, trattandosi dell’ospedale ognuno, cittadini ed amministratori, l’argomento è parecchio sentito. I primi perché sono i soggetti più interessati visto che si tratta della loro salute, i secondi in quanto ne va della loro immagine e quindi della loro carriera. Lo scorporo da Chioggia è avvenuto da poco, ma ciò nonostante, l’amministrazione comunale di Piove di Sacco ha già provveduto ad incontrarsi con i dirigenti sanitari locali per risolvere al meglio e quanto prima gli effetti collaterali dell’operazione. Possono essere riassunti così gli incontri e che, a vario titolo e in momenti diversi, hanno portato il sindaco Alessandro Marcolin e il suo vice, Andrea Recaldin, ad impegnarsi per salvaguardare l’ospedale cittadino. Da una parte gli amministratori cittadini, dall’altra il Dr. Fortunato Rao, direttore generale della ALSS 16 di Padova e sul tavolo, ovviamente, i temi della sanità locale, con in testa l’efficienza del sito ospedaliero cittadino, soprattutto nel corso del periodo estivo.
“Per quanto attiene all’organico medico del Pronto Soccorso – ha detto il sindaco Alessandro Marcolin -è già stata deliberata l’assunzione a tempo determinato per 12 mesi di due medici, è stato altresì stabilito che nell’arco dell’anno si procederà ad espletare il concorso per la messa in pianta stabile delle due unità: in tal modo sarà garantito il mantenimento della doppia presenza medica nelle 24 ore, e con essa anche del 118. Inoltre, è stato affrontata e risolta anche la questione del turn-over del personale collocato in quiescenza con la richiesta alla Regione Veneto della deroga alla assunzione di 25 unità (prevalentemente paramediche) allo scopo di mettere a norma e sicurezza l’operatività di tutto il presidio ospedaliero nei vari reparti e servizi, senza scordare che è in fase di conclusione il concorso per l’assunzione del dirigente medico ospedaliero per Piove di Sacco”.
Interventi decisi e concreti, che mirano a garantire il servizio di qualità ai nostri cittadini. Non a caso, saranno effettuati anche interventi di tipo tecnico, come la sostituzione con modelli più moderni ed efficienti di tutte le macchinette di prenotazione e pagamento del ticket (la cui spesa è a carico della Banca Antonveneta, che effettua il servizio di tesoreria dell’Ulss), i lavori di ristrutturazione del pronto soccorso con creazione di ingresso separato per le autoambulanze, l’estensione degli ambulatori di tutti i medici del territorio della Saccisica al collegamento informatico con il Ced aziendale: in tal modo potranno ricevere tutte le documentazioni sanitarie relative ai loro assistiti, cartelle cliniche incluse, ed essere informati in tempo reale su ogni accertamento eseguito”.
Un’ulteriore ed importante novità, poi, consiste nel fatto che si sia concordato di predisporre anche per i cittadini della Saccisica il servizio di accesso e scaricamento da internet dei referti degli esami eseguiti, potendo in tal modo ovviare alle code per ritirare le risposte e ricevere a casa propria i referti. “Questo tipo di interventi – ha aggiunto il sindaco Alessandro Marcolin – evidenziano chiaramente l’impegno di questa amministrazione verso il tema della Sanità locale, da sempre tanto caro alla città di Piove di Sacco. L’impegno e la nostra attenzione saranno continui”.
Il vicesindaco Andrea Recaldin, che ha supportato ed approvato integralmente l’iniziativa intrapresa, ha espresso estrema soddisfazione per le rassicurazioni ottenute dai vertici locali sanitari: “Questa è la prova di quanto alta sia la nostra attenzione verso i nostri cittadini e il nostro territorio. L’ospedale è una struttura importantissima per la nostra città, tanto che sul tema ho coinvolto da subito i vertici degli assessorati regionali, che da subito si sono attivati per questa nostra struttura”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento