Parcheggi, un vecchio tormentone per gli automobilisti

Le Aree pubbliche da destinare a parcheggi sono preziose come l’oro nel centro storico cittadino: l’annoso problema della scarsità di stalli per le auto è lungi dal trovare una soluzione. Accantonati almeno per il momento, i progetti di park sotterranei a piazzale Serenissima o ai giardini di viale Europa, l’Amministrazione comunale cerca di ottimizzare gli spazi disponibili.
E la soluzione sembra quella di incrementare i parcheggi a pagamento. Nel giro di un anno sono aumentati di circa il 15 per cento i posto auto contrassegnati dalle linee blu, in centro storico e in via sperimentale anche a Corte, esempio che potrebbe venire replicato in altre frazioni. Sono complessivamente una sessantina i posteggi di nuova realizzazione o passati da liberi a pagamento: gli otto stalli resisi disponibili in via Jacopo da Corte a seguito della recente edificazione, undici posti auto in via Nazario Sauro, i ventuno ricavati nella nuova piazza Contran di fronte al Polisportello comunale, quattro che si sono aggiunti agli esistenti in piazza Incoronata, quattro su un lato di via Davila e dieci in piazza monumento a Corte. “Viste la conformazione del nostro centro — fa notare il vicesindaco Andrea Recaldin che con il comandante della polizia locale Francesca Prota ha studiato i nuovi parcheggi — credo che la creazione di una cinquantina di nuovi stalli sia già un buon risultato. Il fatto di metterli a pagamento serve a garantire un certo turn over, in modo che non vengano occupati per tutto il giorno dal medesimo veicolo. A settembre avvieremo una serie di confronti anche con i colleghi di giunta per decidere cosa fare su via Marconi, dietro la stazione delle corriere. Ci sono molti parcheggi, forse si può immaginare di renderne a pagamento una parte. Sarà necessario prendere in mano il Piano urbano del traffico e capire come impostare la viabilità di tutta l’area. Per le frazioni — aggiunge Recaldin – al momento non ho ricevuto altre richieste di parcheggi a pagamento come a Corte, ma se ce ne fossero le prenderei certamente in considerazione”. In autunno il tema dei parcheggi in centro storico tornerà a far discutere. La previsione di spostare una fila di banchi del mercato da via Roma a piazzale Serenissima per motivi di sicurezza, avrà infatti ricadute non trascurabili sulla disponibilità di posti auto, anche se una valvola di sfogo sarebbe già stata individuata nell’area del consorzio agrario di viale degli Alpini.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento