Arriva il bancomat per i rifiuti

Alla prossima fermata si cambia! In verità il treno non è ancora partito, ma il via da parte del Bacino Padova 3 prima o dopo avverrà. E così i cittadini della Saccisica saranno chiamati ad un comportamento diverso circa il conferimento dei rifiuti. Si chiama “Sirv” ed è il nuovo sistema che permetterà ai cittadini di pagare l’effettiva produzione di rifiuti grazie alla tecnologia Rfid. È quanto hanno realizzato i Bacini Padova 3 e 4 rivoluzionando la rilevazione degli svuotamenti nei Comuni di Agna, Arre, Arzergrande, Bagnoli di Sopra, Battaglia Terme, Brugine, Candiana, Carceri, Casale di Scodosia, Codevigo, Conselve, Correzzola, Granze, Megliadino San Vitale, Montagnana, Piove di Sacco, Polverara, Ponso, Sant’Angelo di Piove, Solesino, Stanghella e Terrassa Padovana. L’innovativo Sistema integrato per la rilevazione degli svuotamenti è stato presentato dai presidenti del Bacino Padova Tre, Simone Borile, dall’assessore all’Ambiente della Provincia di Padova, Mauro Fecchio, e dall’assessore regionale all’Ambiente, Maurizio Conte. Il sistema non modifica le abitudini degli utenti, ma permette di effettuare una accurata rilevazione grazie ad un’innovativa tecnologia wi-fi. Il Sirv è il frutto di due anni di lavoro che ha coinvolto non solo aspetti tecnici e industriali, ma anche legislativi in quanto tutti i Comuni aderenti hanno dovuto cambiare i regolamenti comunali. Di fatto questo servizio imposta un nuovo rapporto con l’utente ed entro il 2011 si potrà arrivare ad una tariffa davvero unica per tutti i Comuni. “Questo progetto — ha commentato l’assessore Fecchio — costituisce un punto di partenza poiché, per riuscire a portarlo ad una dimensione provinciale e regionale, bisogna standardizzare le modalità operative in tutto il territorio. È necessario infatti armonizzare con ragionevolezza ed equilibrio le esigenze dei cittadini con quelle delle autorità di bacino e dei gestori degli impianti. Si tratta di una cosa non facile da attuare, ma è una sfida che la Provincia ha raccolto”.
Attraverso il Sirv ogni utenza avrà a disposizione tre tag, ovvero tre tessere per il rifiuto secco, umido e verde. Questi tag dovranno essere applicati ai rispettivi bidoni dell’immondizia che gli operatori provvedono a svuotare. Per informare gli utenti tecnici e dirigenti del Bacino Padova 3 hanno organizzato due incontri. Il primo con le associazioni di categoria ed il secondo con i cittadini. In entrambi, comunque, da parte dei diretti interessati (cittadini e aziende) sono emersi parecchie perplessità. Una su tutte da parte dei cittadini riguarda la riconsegna del contratto firmato. Su questo argomento pare emergano alcuni punti non del tutto chiariti. Gli addetti alla raccolta saranno dotati di un apparato elettronico delle dimensioni di un palmare che rileverà lo svuotamento del bidone con l’immediato conteggio in fattura. L’unico obbligo per l’utente è di attaccare il tag al bidone. In totale sono 115.778 gli abitanti coinvolti di cui 43.506 le utenze domestiche e 5.617 quelle non domestiche.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento