Biogas, scontro aperto

Sul contestato progetto del biogas previsto in via Olmo, non lontano dal confine con Tribano è scontro politico fra sindaci e in consiglio comunale. Mentre i residenti si organizzano in un comitato e i promotori replicano che non c’è nulla da temere dal biogas, fra Conselve e Tribano è scambio di accuse. Tutto è iniziato con l’annuncio del sindaco Ruzzon di voler istituire una commissione tecnica che valuti nel dettaglio l’iniziativa. Idea che non piace a Piergiovanni Argenton, sindaco di Tribano. “L’unica commissione che potrebbe valutare il progetto del biogas è la conferenza dei servizi, alla quale partecipano tutti gli enti interessati. Non so quali altri tavoli tecnici possa avere in mente il sindaco di Conselve, ma mi auguro non si tratti di un organismo politico che non servirebbe assolutamente a nulla. Solo la conferenza dei servizi potrebbe esprimere un parere a 360 gradi – aggiunge Argenton – a questo punto mi auguro che Conselve la convochi”.
Non si fa attendere la risposta di Antonio Ruzzon, ormai alle prese con più fronti di tensione sul caso. “Ricordo ad Argenton che la competenza è in capo a Conselve – afferma – dove c’è un’amministrazione che ha il diritto/dovere di dare risposte ai cittadini. Ad essere legittimamente preoccupate sono le famiglie che si trovano a ridosso dell’eventuale impianto e risiedono a Conselve. Il nostro approccio, a differenza di quello esternato da Tribano, deve essere responsabile e motivato. Non posso accogliere le osservazioni di chi come Argenton banalizza il ruolo del tavolo tecnico che vogliamo costituire”. “Nessuna interferenza da parte mia sull’operato dell’amministrazione conselvana. – è la replica di Argenton – Ricordo semplicemente che l’area antistante l’impianto in territorio di Tribano e’ area di espansione della zona artigianale/commerciale per circa 300.000 metri quadrati. Qualora l’impianto dovesse pregiudicarne il fine, il Comune di Tribano avrebbe un danno di oltre 3 milioni di euro”.
Clima rovente anche in consiglio comunale, dove l’ex sindaco Luciano Sguotti boccia la linea di condotta del suo successore. “Anziché rispondere con la solita aggressività e disprezzo – afferma il capogruppo dell’opposizione – Ruzzon farebbe bene a cercare l’unione ed il dialogo invece che mettersi sempre sulla difensiva. Per difendere cosa, oltretutto? Si sta ripetendo quanto era successo con Terrassa alla presentazione del progetto biogas di via Beolo.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento