Commercianti ed associazioni si sono tassati anche per le luminarie

Ha dato buoni frutti la “raccolta fondi” operata dall’Amministrazione comunale tra i commercianti ed associazioni piovesi per finanziare le iniziative del centro storico. Iniziativa promossa dall’assessore al Commercio, Andrea Recaldin, e le associazioni di categoria, oltre alla Pro loco. La quota, totalmente volontaria, di 100 euro, comprendeva l’acquisizione di un elemento decorativo e il contributo, appunto, per realizzare le iniziative proposte per il Natale, tra cui le luminarie cittadine. Una maniera per rendere bella e piacevole la città in occasione delle Feste. Le adesioni raccolte sono state oltre 160 per la quota dei 60 euro, e di 130 per le sole decorazioni, per un ammontare di circa 15 mila euro. Tutti i fondi raccolti sono stati quindi prontamente investiti su questo progetto di addobbo delle vie e piazze del centro e frazioni, coprendone, in parte, i costi sostenuti. La parte mancante è stata sostenuta dal comune e dalle quote di varie associazioni.
“Ci eravamo dati un limite minimo di cento aderenti — spiega l’assessore Recaldin- che invece è stato ampiamente superato. Questo è stato possibile solo grazie al grande ed impegnativo sforzo del lavoro di squadra: i miei complimenti alla Pro Loco e a tutti coloro che hanno dato il loro contributo, abbellendo così il natale in centro storico. Abbiamo però, già in testa, nuovi ed ambiziosi progetti per il prossimo anno, progetti dei quali inizieremo a parlarne molto presto”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento