In aumento l’uso di cocaina

Per lo più sono uomini, dai 20 ai 30 anni, con un lavoro stabile, un grado di istruzione medio-basso, ben integrati nella società: denunciano innanzitutto problemi legati all’uso di cocaina. E’ questo il profilo medio di quanti si rivolgono al Servizio Tossicodipendenze dell’Ulss 14 di Chioggia e Cavarzere, così come risulta dai dati dei primi dieci mesi del 2010, esclusa la realtà della Saccisica, ormai materia d’indagine dell’azienda sanitaria di Padova.
Coloro che fanno uso di cocaina rappresentano il 36 per cento di quanti ricorrono al Sert del basso Veneziano, una media importante se la si confronta col dato regionale che è pari all’11,2 per cento.
“Non siamo in grado di spiegare esattamente i motivi di un così accentuato impatto dell’uso di cocaina nell’area dell’Ulss 14 — spiega Ermanno Margutti, responsabile del Sert -: dobbiamo ipotizzare si tratti di un territorio particolare, in cui si concentra un alto tasso di popolazione che fa ricorso al consumo di questa sostanza, ovvero ad un appeal del nostro servizio che risponde in modo adeguato alle domande di trattamento. Di contro, nella nostra Ulss si registra un forte ridimensionamento della percentuale di chi fa uso di eroina (il 46 per cento) rispetto alla media regionale che è pari al 71 per cento. Va precisato però che questi dati sono relativi a chi ricorre al Sert, la realtà è diversa per via dei tanti casi non segnalati”.
Se infatti si rivolgono al Sert gli uomini di età compresa tra i 20 e i 30 anni e anche, in percentuale minore ma sempre significativa, quelli fra i 30 e i 45 anni, c’è tutta una popolazione giovanile che fa utilizzo di sostanze stupefacenti — il fenomeno è in continuo aumento e tende sempre più a precocizzare – ma che non emerge. “Sono pochissimi i minorenni — prosegue il dottor Margutti — che accedono al nostro servizio, per lo più segnalati dai tribunali, raramente dalle famiglie”.
Il 20 per cento dei ragazzi di 15 anni ha dichiarato di aver già provato sostanze illegali e poi di non averle più consumate. Un altro 20 per cento invece sostiene di farne uso una volta al mese.
A Chioggia è prevalente l’uso di cocaina, a Cavarzere invece l’utilizzo di eroina è maggiore, soprattutto nei giovani di età compresa fra i 20 e i 30 anni.
Quanto alle nuove droghe, l’ecstasy e altre sostanze eccitanti utilizzate in ambito ricreativo, non sono stati segnalati casi al Sert, pur essendo diffuso il consumo.
Va quindi sottolineato come le modalità di assunzione stiano cambiando verso un policonsumo – mix di più sostanze – che oltre alle droghe contempla anche l’abuso di alcol.
Sono soprattutto gli uomini, l’80 per cento dei casi, a rivolgersi al Sert ma si registra un aumento nei consumi da parte delle donne, in particolar modo adolescenti fra le quali l’iniziazione all’uso di sostanze illegali e di alcolici è pari ormai alla popolazione maschile.
C’è semmai da osservare la maggior propensione delle donne ad emanciparsi dal problema, spesso da sole.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento