Revamping e minacce

Il fronte contrario al Revamping non sembra avere pace. Da mesi il comitato “E noi?”, insieme al consigliere comunale Francesco Miazzi, organizza eventi, assemblee e manifestazioni per esprimere il “no” al progetto di Italcementi. Alcuni aderenti al fronte contrario al Revamping, sarebbero stati minacciati e lo stesso Miazzi ha rinvenuto due sacchetti con escrementi umani davanti casa.
“Questi sono solo gli ultimi di tanti altri episodi — spiega Miazzi – Insulti e minacce ai consiglieri comunali, inseguimenti e minacce a semplici cittadini individuati ad applaudire nelle assemblee pubbliche, volantini raccolti e strappati messi davanti casa di un esponente del comitato “E noi?”, altre minacce e offese quando eravamo ai banchetti di raccolta delle diffide, le locandine dei Comitati strappate in piazza sotto gli occhi di tutti.
Per una singolare coincidenza, vogliamo inoltre evidenziare l’intensificarsi delle segnalazioni di fumi e odori, che in modo persistente invadono la zona di Marendole e in particolare il quartiere del Carmine. Abbiamo la netta sensazione di trovarci di fronte ad una strategia precisa, dove ogni soggetto favorevole alla nuova costruzione nel cementificio, svolge un compitino ben definito: intimidire gli oppositori del revamping, costruire mobilitazioni per sostenere l’azienda e i suoi protettori, far passare la rassegnazione tra la popolazione e convincerla che è meglio ammodernare gli impianti”.
Gli fa eco Silvia Mazzetto del comitato “E noi?”. “Il nostro comitato ritiene doveroso esprimere la propria solidarietà a coloro che hanno subito pesanti intimidazioni e offese per il solo fatto di aver espresso la propria opinione contraria al cosiddetto “revamping” di Italcementi”. La risposta arriva dal vicesindaco. “Ho lanciato pubblicamente una sfida a chi si oppone al progetto, chiedendo che venissero presentati progetti credibili e realizzabili — dice Gianni Mamprin — eppure dopo tre mesi nessuno si è fatto avanti con uno straccio di idea, a testimonianza che si fa molto presto a criticare ma a proporre si fa molta più fatica”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento