Visite gratis per i bimbi

Belle novità in termini sanitari per tutti i bambini della Riviera e del Miranese. I piccoli avranno ancora la possibilità per altri 3 anni, di poter usufruire “gratuitamente” della possibilità di effettuare direttamente nell’ambulatorio di Pediatra di Famiglia, tutte le 22 prestazioni previste dal Patto fra Pediatri di Famiglia e l’Ulss 13. Un patto siglato a Mirano fra la direzione generale e l’associazione medici pediatri. In particolare si potranno fare esame delle urine, tampone faringeo con test rapido, impedenziometria, otoscopia pneumatica, elettrocardiogramma, spirometria, prove allergiche con risultati immediati, evitando così perdite di tempo, con conseguenti diagnosi più accurate, terapie adeguate con inizio immediato, guarigioni anticipate e ritorno a scuola in tempi minori, con conseguente guadagno di giorni di lavoro da parte dei genitori. “Tutto ciò sarà possibile – spiega la direzione dell’Ulss – grazie al lavoro fatto insieme tra i rappresentanti sindacali dei Pediatri di Famiglia e la direzione dell’azienda, in un momento congiunturale per la sanità. Sulla base dei dati raccolti con il precedente Patto Aziendale si è cercato di migliorare il costo efficienza delle prestazioni; a tal fine è stata introdotta una nuova “linea guida”, che tutti i Pediatri di Famiglia seguiranno, per la cura e il relativo follow-up dell’otite media acuta, patologia molto frequente in età pediatrica”. Con questo si vuole implementare la capacità diagnostica e di controllo da parte del Pediatra di Famiglia, cercando di ridurre il ricorso a consulenze di secondo livello. Ma non solo. “Il Patto prevede anche- spiega il direttore generale dell’Ulss 13 Arturo Orsini – il controllo sistematico dei piedi e della schiena di tutti i bambini e ragazzi, al fine di valutare il regolare sviluppo di questa parte dell’apparato locomotore. Questo “screening” già messo in atto da 3 anni con il Patto precedente pare abbia dato dei buoni risultati, che l’azienda ha molto apprezzato. Per una più efficace valutazione dell’andamento del Patto, sono previsti alcuni incontri tra tutti i Pediatri di Famiglia e i direttori di distretto, che saranno i “curatori” del Patto”. Infine, tutte le attività effettuate dai Pediatri di Famiglia, saranno raccolte ed elaborate da una software-house che restituirà i dati all’azienda Ulss 13 per la valutazione del patto stesso. Intanto un’altra novità relativa alla realizzazione di una banca dati sanitaria. “Le informazioni relative ai ricoveri, agli esami ed alle visite specialistiche cui si è sottoposta la nostra popolazione – spiega la direzione – costituiscono un bagaglio importante che può essere molto utile ai sanitari nel momento in cui devono valutare lo stato di salute di una persona o diagnosticare nuove patologie. Tutti questi dati costituiscono una enorme banca dati che comprende i ricoveri, gli esami di laboratorio, di radiologia, di anatomia patologica, di cardiologia, gran parte dell’attività ambulatoriale erogata nei nostri ospedali oltre alle vaccinazioni. Da molti anni una parte di queste informazioni erano consultabili dai sanitari dell’Ulss e dai Medici di Medicina Generale limitatamente ai propri assistiti, ma ora il software è stato rinnovato e la gamma di informazioni disponibili è stata completata”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento