Tagli su tutti i capitoli esclusi i servizi sociali

Un taglio del 5 per cento spalmato su tutti i capitoli, aumenti a raffica in quasi tutti i servizi al cittadino: lascia poco spazio all’entusiasmo il bilancio di previsione per il prossimo anno presentato nei giorni scorsi dal sindaco Alessandro Marcolin al consiglio comunale. Se è vero che il capitolo dei servizi sociali non è stato ritoccato al ribasso, è altrettanto vero che si registrano aumenti in tutti i settori che riguardano direttamente i cittadini, le famiglie, gli esercenti: dai parcheggi, al servizio di trasporto scolastico, dalla tassa di occupazione del suolo pubblico ai diritti di segreteria e alle spese per l’istruzione delle pratiche.
Calano gli investimenti per le opere pubbliche e il sindaco indica anche lo sforzo per contenere alcune spese, come quelle per il funzionamento di giunta e consiglio comunale.
“E’ un bilancio da dieta rigorosa — conferma senza indugi Marcolin — non è stato facile metterlo insieme e il nostro è uno dei pochi comuni che è riuscito a presentarlo entro al fine dell’anno. Come dati rilevanti — illustra il sindaco — si registra un calo della spesa corrente di un milione di euro, da oltre dodici milioni a poco più di 11. Di un milione cala anche il capitolo degli investimenti che passa da 4 milioni 800 mila a 3 milioni e 900 mila. Fra le opere principali ci sono la pista ciclabile di Beverare, la manutenzione delle piazze e la riqualificazione di piazzale Serenissima e la sistemazione del cimitero del capoluogo.
Abbiamo mantenuto costanti le spese per gli interventi sociali: il capitolo principale è di 125 mila euro a cui se ne aggiungono diversi altri. In tutti gli altri settori c’è stato un taglio del 5 per cento.
L’Amministrazione comunale è impegnata anche a fare delle economie — sottolinea Marcolin — per esempio è stato preventivato un risparmio sull’energia elettrica grazie ad accorgimenti tecnologici di circa 50 mila euro, il capitolo che comprende gli emolumenti di sindaco e assessori e funzionamento del consiglio passano da 77 a 71 mila euro, per i notiziari spenderemo 8 mila euro invece di 15 mila”. Poi c’è il capitolo aumenti di cui volentieri si farebbe a meno: “I parcheggi del centro passeranno da 0,70 a un euro all’ora, aumenterà del 5 per cento l’osap per i bar, aumentano — elenca spedito il sindaco — trasporto scolastico, diritti di segreteria, contributi e spese per l’istruzione delle pratiche negli uffici comunali e sarà aggiornato il valore di terreni e immobili per il calcolo dell’Ici”. In sede di approvazione, i gruppi di minoranza potranno presentare i propri emendamenti al bilancio.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento