Vogliamo una coalizione compatta

“L’esperienza dell’amministrazione di Romano Tiozzo ha dimostrato il completo fallimento del centrodestra”. A dirlo è Lucio Tiozzo, consigliere regionale del Partito Democratico. La disfatta della passata Giunta avrebbe dimostrato l’oggettiva difficoltà di mantenere coesa un’alleanza tra le diverse forze di destra.
Quali sono le prospettive del Pd per la prossima campagna elettorale?
“Si sta andando verso una possibile alleanza tra Udc e le forze del centro sinistra tradizionale e riformista, un po’ come è accaduto a Venezia. Si cercherà di creare una coalizione compatta, senza azioni disturbatrici al suo interno, per evitare crisi di Giunta come è accaduto a Romano Tiozzo. Serve quindi un programma condiviso tra diverse forze, tra le quali l’elemento cerniera sarà il Pd. Le nuove liste civiche saranno le benvenute se ci sarà una forte volontà di condivisione del programma. Insomma, non vogliamo vincere le elezioni ma governare”.
Come si sta profilando il programma elettorale?
“Sarà un programma semplice, con 7 o 8 punti condivisi, che punterà soprattutto sullo sviluppo economico e la creazione di nuovi posti di lavoro, per evitare il fenomeno dell’emigrazione verso aree più dinamiche dal punto di vista produttivo”.
Il gruppo di Democrazia potrebbe rientrare nella futura coalizione?
“Non credo sia possibile creare un’alleanza con chi non ha fatto altro che contestare l’operato del Pd in questi anni. Per fare un’alleanza serve stima reciproca e condivisione. Guarnieri in questi mesi ha eretto uno steccato contro il Pd”.
Quali sono le possibili candidature per un futuro primo cittadino?
“All’interno del Pd ci sono tanti nomi validi, primo fra tutti quello del nostro segretario, Maurizio Salvagno, ma siamo comunque aperti a valutare altre candidature. La cosa importante è che la persona del futuro sindaco sia espressione di una maggioranza coesa”.
Quindi per il Pd sono valutabili anche candidature provenienti dall’Udc?
“Siamo disponibili a valutarle. Persone come Riccardo Rossi o Giuseppe Casson godono del nostro apprezzamento. La passata amministrazione ha lasciato la città in forte difficoltà, con debiti fuori bilancio e una macchina comunale inefficiente. Ora è necessario abbassare i toni dello scontro e creare una maggioranza al di là dei concetti di centrodestra e centrosinistra. Questo lo dico da consigliere regionale: bisogna cercare soluzioni ragionevoli per il bene di Chioggia”.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento