All’istituzione privata un taglio del 30%

Scuole materne private in grande difficoltà economiche a causa del taglio dei contributi comunali, decurtati di quasi il trenta per cento. La Santa Capitanio in centro storico, la Maria Addolorata di Arzerello e la Sacro Cuore di Corte avranno appena 23.500 euro da spartirsi rispetto ai 32 mila dell’anno scorso: a tanto ammonta la cifra stabilita dal sindaco Sandro Marcolin e dalla sua Giunta. Ma grazie a una mozione presentata dall’opposizione di centrosinistra tutto il consiglio comunale ha votato all’unanimità di destinare alle scuole le prime risorse che si renderanno disponibili, “con priorità sugli altri capitoli”.
“Le materne private parrocchiali — ha fatto notare il consigliere Paolo Zatta della civica Per Corte — costituiscono una ricchezza per la città e le frazioni e accolgono attualmente circa 200 bambini. Stanno affrontando ingenti spese per l’adeguamento delle strutture e per il personale. Sono costrette a mantenere le rette più alte rispetto alle materne pubbliche e nonostante questo sono in grande sofferenza. L’importo loro destinato deve essere rivisto al rialzo”.
Il collega del Pd Stefano Chinaglia ha rilevato: “L’altra faccia della medaglia è che le famiglie si rivolgono alle materne comunali per avere rette inferiori e si sta creando un sovraffollamento di bambini”. “E’ brutto dover tagliare alle scuole — la nota dolente del consigliere Pdl Ferruccio Miotto, delegato all’istruzione — purtroppo non ci sono fondi”. Il capogruppo Pdl Piergiorgio Zampieri ha rotto gli indugi e ha chiesto ai suoi una riflessione: “E’ una mozione che va presa in seria considerazione, le scuole parrocchiali rappresentano una risorsa fondamentale, stanno facendo i salti mortali per far quadrare i bilanci, bisogna sostenerle”. “Anche l’anno scorso – ha cercato di rassicurare il sindaco Marcolin – i fondi erano stati tagliati e successivamente rimpinguati”.
“Visto che la mozione è stata presentata prima dell’approvazione del bilancio — ha criticato il capogruppo Pd Lino Conte — avreste già potuto diminuire di 15 mila euro l’avanzo di amministrazione e recuperare subito i soldi”. Alla fine la mozione è stata votata all’unanimità.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento