Un’area in cui molte specie di animali trovano la propria casa

Un vero paradiso naturale è quello che si estende nella “Tenuta Civrana” a Pegolotte. Quest’area è lunga ben 4 chilometri e larga uno e permette di dare spazio a moltissime specie animali e vegetali per le sue condizioni naturalistiche ottimali. “Dove riescono a vivere più specie — ha affermato il dottor Tonelli, che opera nell’area — significa che esistono maggiori risorse. Gli animali sono indicatori biologici: dove stanno bene loro, significa che sta bene anche l’uomo”.
Presso la Tenuta Civrana, allora, l’uomo non può che trovarsi bene, considerando che soltanto per gli uccelli sono state individuate ben 164 specie che vi transitano o nidificano. La tenuta, adiacente alla Corte Civrana, rappresenta un ambiente davvero sano e naturale, dove moltissime specie animali trovano “la propria casa”. Dal 2004, a partire da uno studio per una tesi di laurea, il dottor Tonelli, ornitologo, ha iniziato a studiare la fauna di quest’area. Il confronto è stato fatto tra la fauna di questa tenuta, la tenuta civranetta e la campagna attorno. In seguito, è stato possibile ricavare delle informazioni molto interessanti: ad oggi, si contano ben 164 specie di uccelli, vi è situata una garzaia (luogo dove possono nidificare gli aironi) che per quantità di specie di aironi è considerata una delle più importanti del Veneto. Ma vengono studiate anche altre specie animali, tra cui la tartaruga palustre, il tasso, grazie anche all’opera del dottor Destro, botanico. I risultati delle osservazioni tenute in quest’area, sono stati presentati anche durante l’ultimo convegno di faunisti del Veneto (associazione naturalistica nazionale).
“Per comprendere la bellezza di questo luogo, bisogna davvero venire qui e vederlo.” — afferma Roberto Curto, responsabile dell’area – Per questo motivo, sono attive molte iniziative per far conoscere a grandi e piccini le bellezze floreali e faunistiche di quest’area incontaminata: anzitutto la tenuta funge da fattoria didattica, dove possono recarsi le classi dalla materna alle superiori. In questi momenti c’è un approccio diversificato alla natura, che va dalla conoscenza degli animali da corte, dei prodotti dell’orto, oppure ad un’esperienza concreta che può essere la pigiatura dell’uva nel periodo autunnale. Possono esserci laboratori, o lezioni direttamente nelle scuole. Si possono organizzare dei gruppi per delle uscite sia diurne che notturne. Ogni anno, poi, si organizzano le cosiddette “Feste dell’agricoltura”, giornate aperte in cui si può visitare l’area (tranne nelle zone a protezione speciale).
A breve sarà attiva anche l’ippoterapia che si potrà attuare con i cavalli che vivono in quest’area. Inoltre, sempre presso la Tenuta Civrana, ci sarà l’apertura di un agriturismo, mentre il punto vendita di prodotti locali è sempre aperto.
Per chi volesse avere un’anticipazione sulle bellezze naturali dell’area, è possibile visitare il sito www.tenutacivrana.it, dove si possono trovare informazioni per organizzare delle visite (anche per le scuole) o visualizzare bellissime foto o introvabili video che raccontano la vita della natura e della fauna che vive in tenuta.

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento