Videosorveglianza con 5 telecamere

Cinque occhi elettronici puntati sui luoghi pubblici maggiormente frequentati (scuole, parchi, strade, vie di accesso al paese, cimitero); è questo il forte segnale che il sindaco di Agna, Giannicola Scarabello, ha voluto dare alla propria cittadinanza in ambito di sicurezza e ordine pubblico. Le telecamere per la videosorveglianza saranno posizionate nei pressi dell’incrocio tra via Roma/ via Marconi e via Martiri Libertà, in via Roma nei pressi del municipio, in zona cimitero, nell’incrocio tra via Marconi e via Carrare e tra via Cona e via Dante Alighieri. Il sistema di videosorveglianza è entrato in funzione a fine febbraio, e si è potuto concretizzare grazie al progetto regionale che ha coinvolto Conselve, Arre, Bagnoli di Sopra e Terrassa Padovana. Il costo è stato infatti sostenuto per circa il 70% da un finanziamento regionale.
“Le telecamere — spiega il sindaco Giannicola Scarabello – terranno d’occhio i punti sensibili del nostro paese.  La centrale operativa sarà allestita al comando della polizia locale di Conselve. Si tratta per lo più di impianti “dome”, in grado cioè di riprendere a 360 gradi e quindi di offrire una panoramica sull’intera zona coperta; la nitidezza delle riprese è impressionante e permette di visualizzare sagome, oggetti, targhe, anche a centinaia di metri. Le immagini registrate sono a disposizione delle forze dell’ordine nel caso di necessità, atti vandalici, furti o eventi malavitosi. Tra gennaio e febbraio tutti gli impianti — prosegue Scarabello – sono stati installati e collaudati e l’avvio operativo del sistema lo abbiamo avuto in questi giorni”. Entusiasta del progetto anche il neo-assessore alla sicurezza e protezione civile, Gianluca Piva. “La scelta è stata fatta — afferma Piva — per dare un segnale alla nostra comunità e le telecamere sono un buon deterrente aumentando nel contempo la sicurezza. La sicurezza dei cittadini si fa con risposte concrete, a volte anche non popolari.
A tal proposito abbiamo anche potenziato il servizio di polizia locale, aumentando le ore di presenza nel nostro comune del vigile Di Carlo, con il quale assieme alla Consulta per la Sicurezza ed Ordine Pubblico, inizieremo un percorso di sensibilizzazione al rispetto del codice stradale e delle buone regole di parcheggio che, specialmente nel giorno di mercato, vengono spesso ignorate dagli automobilisti. Credo che per una politica di democratica convivenza, qualche multa risulterà un buon strumento educativo.”

About Giorgia Gay

Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Lascia un commento