Home Veneziano Cavarzere Il sindaco avverte: Imu, l’aliquota sarà elevata

Il sindaco avverte: Imu, l’aliquota sarà elevata

L’Imposta municipale unica è ormai da mesi tema di dibattito a livello nazionale e, anche se alcune amministrazioni comunali non hanno ancora fissato le aliquote in merito, ciò che appare ormai chiaro è che essa rappresenterà un’ulteriore peso sulle già risicate finanze delle famiglie italiane. L’altra faccia della medaglia è però rappresentata dalla possibilità di rimpinguare attraverso di essa le finanze municipali italiane, con una nuova entrata che andrà in parte a compensare gli ingenti tagli operati nei trasferimenti statali ai Comuni. Il peso che tale imposta avrà sui cittadini dipende molto da quello che decideranno le singole amministrazioni comunali, che potranno fissare l’aliquota riservata alle diverse categorie.
Sono questi dunque giorni cruciali per tutti gli Italiani che attendono di capire quale sarà per loro l’entità dell’imposta. Per quanto riguarda Cavarzere, allo stato attuale nulla sembra essere stato deciso in merito, a dir la verità qualche sentore di quali siano le intenzioni dell’amministrazione comunale è trapelato e le dichiarazioni di sindaco e assessori sullo stato delle finanze municipali fanno intuire la possibilità di avere delle aliquote piuttosto elevate.
La questione Imu è a Cavarzere uno dei temi caldi e se n’è discusso anche nella seduta del Consiglio comunale di aprile, a seguito della bocciatura di una mozione, presentata dal Popolo della libertà, che proponeva di tenere al minimo le aliquote per le prime case, gli immobili produttivi e gli agricoltori. Il sindaco Henri Tommasi ha spiegato le motivazione della mancata convalida della mozione, ribadendo la situazione critica delle casse comunali e le difficoltà nel chiudere il bilancio di previsione.
“Quando ho letto la mozione — così il primo cittadino — mi sono chiesto se si trattasse di una vera proposta o di una battuta. Logicamente anche l’amministrazione comunale avrebbe piacere di poter agevolare i cittadini con delle aliquote minime ma ci sono delle difficoltà enormi che non permettono di farlo. La mozione è arrivata da chi ci ha lasciato in queste condizioni e, piuttosto di fare qualche proposta concreta per aiutare Cavarzere a superare questo momento critico, cerca il consenso con azioni che si possono definire puramente demagogiche”.
Il sindaco ha detto poi che la determinazione delle aliquote relative all’Imu è legata al bilancio di previsione e quindi solo quando esso sarà approvato si potrà conoscere la loro incidenza: “Il consuntivo è stato approvato qualche giorno fa dalla Giunta mentre il bilancio di previsione arriverà in Consiglio comunale nell’ultima decade di giugno, solo allora potremo dare indicazioni precise anche sulle aliquote dell’Imu. È probabile che esse siano destinate a essere portate al massimo perché non abbiamo molti spiragli, era nostra intenzione individuare tre fasce da tutelare, ossia prima casa, attività commerciali e fondi agricoli, ma la situazione estremamente critica non rende possibile tale azione. Forse riusciremo a tutelare una sola di queste fasce, i beni rustici”.
Il primo cittadino annuncia poi di voler incontrare, una volta in possesso dei dati completi relativi al bilancio, i cittadini, è infatti sua intenzione promuovere presto a tale scopo un incontro presso Palazzo Danielato.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette