Home Veneziano Miranese Sud Perde Bertoldo arriva Fragomeni

Perde Bertoldo arriva Fragomeni

Santa Maria di Sala cambia ancora strada. L’alternanza da queste parti ha da un po’ di anni gli stessi nomi. Di nuovo un sindaco uscente non ce la fa a riconfermarsi: Paolo Bertoldo non centra il bis e lascia l’ufficio a Nicola Fragomeni, il nuovo primo cittadino mandato avanti dall’ex sindaco Ugo Zamengo. Minimo il distacco, come 5 anni fa: 31 voti appena. A fare la differenza è Caselle, dove ‘Lista Salese’ crolla, cedendo il passi a ‘Generazioni per crescere’, la lista di Fragomeni e Zamengo. In Comune torna così a governare il gruppo che nel 2007 perse per 18 voti. La vera sorpresa però, anche in questo caso, sono i grillini: il ‘Movimento 5 stelle’ piazza Rossella Carolo in Consiglio e per pochi voti non fa pure il secondo consigliere: è comunque la terza forza, subito dietro ai due grandi rivali, capace di mettere in coda tutto il centrosinistra e pure la Lega. Sonora la sconfitta del Carroccio, che non entra nemmeno in Consiglio comunale, nonostante l’apparentamento con la civica La Voce di Giuseppe Masetto. A sinistra entra per un soffio il candidato di Pd e Federazione della sinistra Giuseppe Rodighiero, ma il solo. Niente da fare invece per Valter Stevanato supportato da ‘Italia dei valori’ e ‘Sinistra e libertà’. Staccato ‘Veneto Stato’ con Federico De Marchi. Fragomeni è raggiante: non credeva di farcela. Durante gli scrutini segue i risultati dal maxischermo in municipio e vedere crescere i suoi voti fino a superare ‘Lista Salese’. Bertoldo invece raduna i suoi nello studio dell’ex capogruppo Fidenzio Dal Corso e vede franare i suoi a Caselle, dove perde tutto il vantaggio accumulato a Sant’Angelo fino a finire sotto. Trentuno voti. Un niente. Ma era stato così anche nel 2007, quando invece a vincere fu lui. Bertoldo finisce con il 26,43 % delle preferenze, 2314 voti, Fragomeni piazza un 26,79% con 2345 voti. “Ho una squadra fantastica”, sono le sue prime parole da sindaco, “abbiamo sputato sangue, siamo stati ripagati da questa inaspettata e bellissima vittoria, riuscendo a scardinare un sistema vecchio di 40 anni, speriamo ora di avere l’intelligenza di far vivere a questo Comune un’era migliore”. Di diverso tenore il commento di Bertoldo: “È stata un’amara sorpresa”, afferma, “Ho fatto quello che potevo e ringrazio chi ha voluto ancora darmi fiducia. Evidentemente però non ho scelto una squadra abbastanza rappresentativa”. La delusione è forte, Bertoldo sembra quasi rinunciatario. Resterà a guidare l’opposizione? “Valuterò insieme a tutta la squadra. Sui progetti già approvati e in via di realizzazione confido nella responsabilità della nuova giunta”. Raggiante invece Rossella Carolo: i grillini ottengono il terzo posto (15,92% e 1384 voti). “Siamo contentissimi del risultato” spiega la giovane candidata, “non ci aspettavamo tutta questa fiducia, cercheremo di non deludere i tanti cittadini che ce l’hanno accordata”. Carolo risulta anche essere l’unica donna in un parlamentino locale tutto al maschile. Deluso invece Rodighiero, che raggiunge 1107 voti, il 12,65% del totale: sperava di fare di più, ma nella debacle della sinistra il suo risultato personale è positivo. Sarà lui l’unico rappresentante riformista in Consiglio comunale. “Abbiamo lavorato durissimo, ma Grillo ha asfaltato tutti” afferma. Fuori l’altra sinistra, quella di Valter Stevanato (5,13% e 449 voti) e, forse ancor più clamoroso, la Lega che si ferma all’8,35% con appena 731 votanti. ‘Veneto Stato’ è al 4,73% con 414 voti. L’affluenza è stata del 67,45%. In Consiglio comunale risultano eletti in 11 per la maggioranza: Ugo Zamengo, Enrico Merlo, Alessandro Arpi, Stefano Pistore, Massimiliano Martignon, Luigino Miele, Gabriele Ragazzo, Luca Morosin, Fabio Semenzato, Luca Muffatto e Dino Zavan. L’opposizione sarà rappresentata da Paolo Bertoldo, Primo Bertoldo e Giovanni Vanzetto per Lista Salese, Rossella Carolo per il Movimento 5 stelle e Giuseppe Rodighiero per Civica Insieme.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette