Home Veneziano Miranese Nord Salzano, le urne riconfermano Alessandro Quaresimin

Salzano, le urne riconfermano Alessandro Quaresimin

Alessandro Quaresimin è stato rieletto sindaco. I cittadini hanno dato la loro preferenza nuovamente al centrosinistra con 3.371 voti (il 55,13%) rispetto al centrodestra di Graziano Busatto con 1.838 (30,06), la Lega di Giuliano Stevanato con 467 voti (7,64%) e la lista di Matteo Zanellato con 439 voti (7,18). Il risultato di queste elezioni era abbastanza scontato. Si nota comunque un calo di affluenza alle urne rispetto alle comunali del 2007, che avevano visto Quaresimin vincere con 3.513 voti (50,30 %). Dunque i voti sono diminuiti specialmente per il centrodestra: nel 2007 2.576 voti e in queste comunali 1.838 ben 738 in meno.
Sindaco, questo risultato sembrava annunciato, perché?
“Personalmente ero molto fiducioso della possibilità di vincere ma non immaginavo di farlo con uno scarto così alto, era nelle più rosee delle mie aspettative. Forse un po’ me lo aspettavo perché abbiamo amministrato bene ed io ritengo che nella mia esperienza di sindaco, in questi 5 anni, abbiamo creato un rapporto con i cittadini molto forte e apprezzato, le relazioni con le persone hanno pagato”. In altri comuni si è evidenziato l’allontanamento dai partiti tradizionali ma a Salzano il centrosinistra ha tenuto. “La lista “Il tuo paese vivo” ha preso voti anche dal centrodestra e dalla destra, oltre che dal centrosinistra (che generalmente arriva al 40% a Salzano); grande peso hanno avuto le persone che compongono la squadra”.
Novità in consiglio?
“Una novità è sicuramente la presenza di tre donne. L’aspetto femminile per me è molto importante ed è una soddisfazione. Le donne sono un segnale positivo che la stessa gente ha voluto dare nel proseguo del pensiero del consiglio comunale, io spingerò ancora per procedere su questa strada. Alcuni consiglieri sono rimasti dalla precedente legislatura perché avevano iniziato da poco o erano alla prima esperienza; io sono quello che ha più esperienza gli altri sono più giovani. Sono convinto che ha pagato il risultato in campagna elettorale perché abbiamo evidenziato le criticità con il massimo della chiarezza e abbiamo voluto dare delle prospettive reali alla gente, che ha apprezzato. Questo modo di fare non significa che non abbiamo una visione positiva e, anche nei momenti più difficili, cerchiamo strategie diverse e nuove con i mezzi reali”.
Altri cinque anni per terminare i progetti in atto e metterne in cantiere di nuovi.
“Avremo altri 5 anni per completare gli obiettivi che ci eravamo posti ma soprattutto avviare progetti per migliorare la vita a Salzano e Robegano. Puntiamo molto sull’aspetto sociale e continueremo a migliorare le relazioni e la rete creata direttamente con i cittadini per formare un’unica squadra; in questo senso si è già visto che Salzano ne esce bene”.
Qual è la forza del consiglio?
“Questo consiglio è formato da persone con esperienza e con segno di novità e, queste due cose, si sommano alla capacità di dare concretezza e cultura; questa è la benzina per tutti i progetti”.
E per quanto riguarda gli avversari?
“Il risultato è stato eloquente, sono andati male. Confido che gli avversari, nel loro ruolo di opposizione, si pongano in maniera costruttiva per migliorare le scelte di questa amministrazione in maniera utile a tutta la cittadinanza”. Al di la delle risposte del sindaco nuovamente eletto Quaresimin, resta il fatto che a Salzano ad esempio non si è presentata la lista “Movimento 5 Stelle”. Lista che invece si è presentata a Mira, Mirano e Santa Maria di Sala facendo buoni risultati”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette