Home Padovano Grande festa per la nuova sede della Protezione civile

Grande festa per la nuova sede della Protezione civile

E’ stata inaugurata ufficialmente il 5 maggio scorso la nuova sede del gruppo di volontari della Protezione Civile. In molti hanno preso parte alla cerimonia del taglio del nastro.
Oltre ai sindaci della zona, numerosi amministratori locali, esponenti politici regionali e provinciali ma anche i tanti volontari delle squadre di pronto intervento di tutto il comprensorio piovese.
Gli interventi. A fare gli onori di casa il primo cittadino Alessandro Marcolin che ha voluto lodare l’impegno della Protezione Civile congratulandosi “con tutti i volontari per l’efficienza e la dedizione che hanno sempre dimostrato”.
“Il completamento di questo progetto rappresenta un passo importante della nostra azione amministrativa — ha detto Marcolin — e non potrà fare altro che migliorare il lavoro dei volontari che si adoperano a favore dell’intera comunità”.
Il dirigente regionale della Protezione Civile, Roberto Tonellato, ha poi voluto sottolineare l’importanza dell’operato dei vari gruppi di volontari non solo per quanto riguarda la partecipazione alle attività di soccorso ma anche a quelle di previsione e prevenzione delle emergenze e calamità. La struttura. L’edificio in via Adige, a Piove di Sacco, oltre a nuova sede del gruppo di volontari, servirà da magazzino distrettuale e da archivio storico comunale. L’importante complesso archivistico del Comune, in funzione dal 1546, raccoglie tutta la documentazione storica non solo della città ma di tutto il comprensorio della Saccisica.
L’intenzione dell’amministrazione oggi è quella di creare una sala nella quale i documenti possano essere fruiti e consultati, al fine di valorizzare l’intero patrimonio archivistico.
I numeri. L’area complessiva è di 1600 metri quadri. L’edificio, su due piani, ne occupa 580 di cui 235 destinati alla sede dei volontari e i restanti 345 all’archivio e al magazzino. La gestione viene affidata agli stessi volontari. Ingenti le risorse investite. Per la costruzione del nuovo edificio sono stati spesi oltre un milione di euro. In particolare il progetto è stato finanziato dal Comune per 435.800 euro con fondi a bilancio, 150.000 euro con l’accensione di mutuo e per 534.000 euro con fondi privati attraverso gli oneri di urbanizzazione. La Regione ha contribuito con un finanziamento di 106.622 euro.
“Parterre de roi”. Alla cerimonia, per il Comune di Piove di Sacco, erano presenti il vicesindaco Andrea Recaldin, il direttore generale Giacomo Michieli e il presidente del Consiglio comunale Giorgio Tortolato. Sono intervenuti anche l’onorevole Antonio De Poli; i consiglieri regionali Stefano Peraro e Arianna Lazzarini; l’assessore provinciale alla Protezione Civile Mauro Fecchio; il coordinatore del gruppo comunale Valter Tanduo; la direttrice dei servizi bibliotecari ed archivistici Raffaella Zannato; Kurt Baiker, in visita in Italia, sindaco della città di Senden (Germania) gemellata con la città di Piove di Sacco e Monsignor Don Giorgio Facchin, arciprete del Duomo di Piove di sacco per la benedizione dell’edificio.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette