Home Padovano Bassa Padovana Via Rovigo, apertura ok

Via Rovigo, apertura ok

Ci sono voluti dodici anni, ma alla fine è arrivato l’annuncio: via Rovigo riapre. Si tratta della strada che collega le principali vie di collegamento atestine, a partire dalla Sr 10, ad un importante parte di zona industriale. Via Rovigo era stata chiusa al traffico nel 1999 per i problemi legati all’area ex Montedison, 62.500 metri quadri a cavallo della linea ferroviaria Mantova—Monselice inquinati dalla presenza di metalli pesanti, derivati dall’attività industriale della Montedison. Il passaggio dei mezzi, secondo le amministrazioni che ne hanno sancito la chiusura, avrebbe ulteriormente compromesso l’area. Con notevoli problemi ad attività e residenti. Qui, oltre a numerose attività imprenditoriali, hanno sede anche il Bacino Padova Tre e uno tra i pub più frequentati dai giovani del territorio. L’unica strada utile per accedere a questa zona è stata ad oggi via Canevedo, arteria che porta a Deserto e che non ha dimensioni e caratteristiche per accogliere traffico intenso e di peso. Disagi e proteste non sono mancate. Per questo l’amministrazione comunale ha deciso di riaprire la strada, come spiega il vicesindaco Stefano Agujari Stoppa: “Con un collaudo abbiamo infatti assicurato che il passaggio di mezzi non altererà minimamente l’inquinamento della zona. La sede stradale è impermeabilizzata e gli agenti inquinanti sono confinati negli stati più profondi del terreno, non rappresentando, quindi, un pericolo igienico-sanitario al transito veicolare e pedonale”.
Continua il sindaco Giancarlo Piva: “La scelta è arrivata anche grazie al contributo regionale a fondo perduto per la bonifica dell’ex Montedison. L’apertura della strada si collega dunque ad una progettualità sicura e concreta legata al ripristino dell’area”. Via Rovigo dovrebbe essere funzionalmente riaperta e dunque percorribile entro la metà di giugno. In attesa, ovviamente, dell’imminente bonifica dell’area. Verrà conficcata una barriera perimetrale per il confinamento del terreno contaminato, ottenuta mediante la diaframmatura con cilindri verticali intersecati e con l’impermeabilizzazione della parte superiore della strada e del verde.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette