Home Padovano Bassa Padovana Banda larga più vicina

Banda larga più vicina

Lo sviluppo di un’infrastruttura di comunicazione multimediale ed interattiva non sarà più solo un sogno per la città di Monselice. E’ pronto il progetto di realizzazione di una rete a banda larga in fibra ottica con un’estensione, su suolo pubblico, di oltre 22 km. Un risultato raggiunto grazie ad un “Project Financing” che consentirà all’amministrazione di Monselice di dotarsi di un’infrastruttura di rete pubblica di “Nuova Generazione”, in fibra ottica da mettere a disposizione di tutti i cittadini e imprese del territorio. In questo modo non sarà penalizzato l’assetto finanziario del Comune. “Con questa iniziativa si potranno interconnettere, a costo zero, oltre 70 siti pubblici — ha spiegato l’assessore Andrea Tasinato – formando un’unica rete con il conseguente duplice obiettivo di azzeramento dei costi di comunicazione (territoriale) su tutti gli edifici pubblici raggiunti, e di fornire connessioni multimediali ed interattive oggi praticamente inesistenti. Molti “operatori di servizi” potranno evitare di realizzare piattaforme di rete dedicate solo per raggiungere quei clienti che ritengono remunerativi per i loro piani industriali. Quindi, questa soluzione consentirà di concentrare le rispettive risorse economiche esclusivamente per sviluppare servizi ad alto valore aggiunto indispensabili per far fronte ad una costante, e aggiornata, domanda di connettività richiesta dalla gran parte dei loro clienti”.
In quest’ottica virtuosa, secondo l’amministrazione comunale, si potranno ridurre sensibilmente anche gli attuali canoni di abbonamento, del 30/40%. Ovviamente i beneficiari delle riduzioni saranno i cittadini e le imprese di Monselice, che quindi vedranno ridursi sensibilmente i loro costi. Nel contempo, ogni singolo cliente potrà contare su connessioni aventi larghezza di banda garantita a partire da alcuni Mbit/s fino a Gbit/s, in funzione delle rispettive necessità informatiche. Velocità quindi molto alte che ad oggi sono ancora un sogno per moltissime aziende.
“Grazie al Project Financing abbiamo minimizzato gli investimenti (in questo caso assolutamente nulli per l’amministrazione) e massimizzato il ritorno economico per l’intera cittadinanza — ha continuato Tasinato – con questa soluzione tecnologica, sarà possibile usufruire di tutti i servizi internet come navigare ad alta velocità, telefonare gratis agli altri utenti collegati alla rete (con Voip attivo), accedere a grandi volumi di dati e per le aziende, in particolare, di poter praticare forme di telelavoro e di formazione a distanza, di utilizzare servizi di videoconferenza, di incrementare sensibilmente le differenti forme di commercio elettronico, di implementare servizi di “Telemedicina” verso ogni singola unità residenziale.
Per l’amministrazione invece, sarà anche possibile introdurre un sistema di videosorveglianza urbana, fornire servizi di assistenza da remoto, a bambini, disabili ed anziani, attuare la riqualificazione paesaggistico-ambientale, attraverso il processo di deantennificazione, realizzare una piattaforma modulare per lo sviluppo socio-economico dell’area”. Imminente l’inizio dei lavori che rimane fissato tra giugno e luglio. Per completare tutto il progetto serviranno poi 10-12 mesi.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette