Home Rodigino Delta Decidiamo Insieme esce dalla maggioranza

Decidiamo Insieme esce dalla maggioranza

Il gruppo Decidiamo Insieme ha abbandonato l’assemblea convocata per il pomeriggio del 7 giugno, facendo perdere così tre elementi alla maggioranza di Geremia Gennari, che si è ritrovata con undici consiglieri in Consiglio comunale. Il gruppo, prima della discussione dell’ordine del giorno prevista alla seduta, ha infatti lasciato la sala per protesta. La decisione è stata spiegata a nome dei tre dal presidente del Consiglio, nonché membro del gruppo, Giuliano Zaia. Tutto è nato a seguito dell’avvenuta conoscenza di un documento letto nel direttivo provinciale del Pdl di Rovigo, dove il sindaco e altri dieci consiglieri hanno deciso che la maggioranza attuale è composta da undici, e non più quattordici, consiglieri estromettendo cosi il gruppo dal continuare a far parte per i prossimi 21 mesi del mandato di maggioranza.
Come ha spiegato Zaia, il gruppo Decidiamo Insieme è sorto il 30 settembre 2011 chiedendo di partecipare alle decisioni in quanto non è mai stato coinvolto fattivamente dalla maggioranza, in particolar modo dal sindaco su tutte le scelte politiche e amministrative, e considerato che, malgrado questo, i tre consiglieri hanno sempre sostenuto per 3 anni tale maggioranza senza creare difficoltà mantenendo gli equilibri, la scelta del sindaco è apparsa ai tre in grave contrasto con la volontà espressa col voto dei cittadini nel 2009.
Il consigliere a nome del suo gruppo, inoltre, ha lamentato che gli ordini del giorno del Consiglio convocato per quella assemblea non sono stati proposti, discussi, esaminati e formulati col pieno coinvolgimento, confronto e dovuta discussione. L’abbandono della seduta è stato un gesto “a denuncia del comportamento politico e amministrativo irrispettoso e irriguardoso nei confronti dei tre consiglieri comunali Giuliano Zaia, Maurizio Finessi e del capogruppo Roberto Tortello, che hanno sostenuto fattivamente le regolari attività del Consiglio comunale nella maggioranza”. Dopo l’uscita dei consiglieri dalla sala, la presidenza del Consiglio è stata affidata al consigliere anziano Doriano Mancin. La divisione interna alla maggioranza trova le sue radici già a partire dallo scorso maggio. A darne prova, un documento datato 22 maggio che recentemente è stato pubblicato sul sito del Pdl di Porto Viro e che è stato firmato da 11 consiglieri comunali di maggioranza di Pdl, Lega Nord ed un indipendente. Nello scritto si lamenta un modo di fare “ricattatorio e con l’intento di innescare una crisi di maggioranza” da parte di Roberto Tortello, Maurizio Finessi e Giuliano Zaia e si ipotizza anche un accordo sottobanco tra i tre con le forze di opposizione. Immediata la reazione del capogruppo di Uniti per Porto Viro che, chiamato in causa, si è detto del tutto estraneo alla vicenda chiarendo che il suo gruppo non ha mai contribuito a spingere per il distacco dei consiglieri di Decidiamo Insieme.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette