Home Padovano In via Cavour entra in funzione il varco Ztl

In via Cavour entra in funzione il varco Ztl

E’ entrato in funzione il varco Ztl in via Cavour. E’ stato predisposto, infatti, l’avvio del secondo accesso, dopo quello di via Barchette, controllato da una telecamera pronta a monitorare e registrare l’accesso in centro storico. Con conseguenti sanzioni per i trasgressori.
Con questa operazione prosegue così il piano di graduale sostituzione da parte dell’amministrazione dei vecchi pilomat che tanti problemi hanno creato sia per i costi di manutenzione, sia per i danni ai veicoli degli stessi cittadini con tanto di conseguenti ricorsi presentati in tribunale per trovare ristoro. Dopo alcuni mesi di lavoro, che sono serviti per predisporre gli impianti, la telecamera e la segnaletica, ora il varco è pronto, tanto che sono iniziate già le prime riprese di prova.
“Nessuna preoccupazione – chiarisce subito il vicesindaco Andrea Recaldin per non creare falsi allarmismi – perché inizialmente è previsto solo un periodo sperimentale per verificare la funzionalità del sistema”.
Nel frattempo, in previsione dell’effettiva partenza della nuova Ztl che dovrebbe iniziare a luglio, il Comune sta predisponendo una massiccia campagna informativa sia per i residenti dell’area interessata (via Cavour, via Gasperini, via Roma e via Peci) che potranno richiedere agli uffici di Palazzo Jappelli un apposito permesso per transitare, sia per tutti gli altri cittadini perché non siano colti impreparati alla novità sulle modifiche alla viabilità.
Sul sito del Comune di Piove di Sacco, per esempio, tramite apposito link, sarà pubblicata una nota informativa contenente tutte le indicazioni utili, come il testo dell’ordinanza e la modulistica per richiedere i permessi.
Per quanto riguarda gli orari, il divieto di transito nel centro storico opererà il mercoledì e il sabato, in occasione del mercato cittadino, dalle 7.30 alle 15 e la domeniche pomeriggio, dalle 15 alle 20. A queste date si aggiungeranno tutte le sere dell’isola pedonale estiva.
“La scelta dei pilomat fatta dalla precedente amministrazione – aggiunge il vicesindaco – si è rivelata, negli anni, costosa e inefficace, oltre che estremamente pericolosa per i cittadini. Costi troppo elevati che oggi assolutamente non sono più sostenibili per il Comune”.
La scelta ha suscitato alcune critiche da parte del Pd. “Le telecamere – sottolinea il vice segretario Simone Sartori – servono solo a fare le multe, ma non a fermare le auto. Questo significa non avere in mente la sicurezza, ma solo gli incassi, sempre a scapito dei cittadini”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette