Home Padovano “Bilancio di lacrime e sangue”

“Bilancio di lacrime e sangue”

Il parlamentino di palazzo Jappelli ha approvato il bilancio di previsione per il 2012. Hanno votato a favore i 13 consiglieri della maggioranza, mentre i sette di minoranza hanno votato contro. Uno strumento economico da “lacrime e sangue” lo ha definito l’assessore economico Lorella Fornasiero.
“Inutile ribadire la crisi economica che incombe — ha proseguito l’assessore in sede di presentazione — il capogruppo dei Democratici Lino Conte lo ha definito una lista della spesa così vuota che non capitava di vedere dal dopo guerra, posso concordare anch’io. Si tratta di un bilancio da 17 milioni e la cosa più evidente che salta all’occhio è la quantità e il tipo di operazioni che si possono fare in conto capitale in quanto le entrate superano le spese correnti. Una voce che stride ancor di più è il totale delle rate dei mutui in uscita, solamente 42.000 euro quando la stessa negli anni precedenti superava i 3 milioni di euro, ciò significa che siamo veramente bloccati dal patto di stabilità e dai lacci operati dal governo e possiamo solamente intervenire sulla manutenzione ordinaria degli alloggi e dei cimiteri.
Poi l’assessore ha affrontato l’argomento delle entrate ed in particolare l’Imu la cui percentuale è stata confermata al 5 per mille per l’abitazione principale ma è salita all’8,9 per mille sulle altre abitazioni. L’Irpef è rimasta allo 0,7 come negli anni precedenti. C’è stato un aumento del 5% per il costo delle mense scolastiche mentre il trasporto è salito del 12.5%. Per quanto riguarda le uscite le spese correnti portano via il 68% del bilancio (11 milioni).
Poi l’assessore ha affrontato il tema dei tagli dei trasferimenti statali, un dato da lacrime lo ha definito: “Nel 2012 avremo un trasferimento di soli 650 mila euro che stride in maniera impressionante se si pensa che solamente l’anno scorso abbiamo ricevuto 3 milioni e mezzo di euro. Per di più lo stato ci ha posto il vincolo di spesa di 1,8 milioni di euro e tutto in conto capitale, ovvero per opere pubbliche”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette