Home Rodigino A rischio la tratta ferroviaria Verona-Rovigo-Chioggia

A rischio la tratta ferroviaria Verona-Rovigo-Chioggia

La tratta ferroviaria Verona-Rovigo-Chioggia in autunno potrebbe essere dismessa o ridimensionata. A diffondere la notizia sono stati rappresentati del Pd in consiglio regionale, Graziano Azzalin, Lucio Tiozzo, Franco Bonfante che immediatamente hanno inoltrato un’interrogazione alla Giunta di Palazzo Balbi. “Una prospettiva terrificante — hanno puntualizzato i tre consiglieri — ma purtroppo assai concreta, a fronte dell’ulteriore stretta finanziaria. Da fonti interne a Trenitalia si parla di un’alta possibilità che si giunga in autunno ad una soppressione delle corse giornaliere o quantomeno ad un affidamento in service della gestione, che significherebbe comunque una drastica riduzione del servizio. Se questo dovesse avvenire, sarebbe una mazzata per un territorio che vive già un ritardo negli investimenti strutturali per la mobilità e segnerebbe l’inizio di una vera e propria disintegrazione del trasporto pubblico locale, spina dorsale di una Regione che punti a uno sviluppo sostenibile e voglia guardare avanti. Nel rapporto Pendolaria di Legambiente, emerge che nel corso del 2011 il Veneto è stata la prima Regione per tagli al servizio ferroviario con un -19,5% rispetto al 2010 (la Lombardia non ha effettuato nessun taglio, in Emilia Romagna i tagli sono dell’ordine del 3%) ed è terza per rincari con un +15%, mentre dal punto di vista della spesa regionale per il servizio pendolare in rapporto al totale del bilancio, solo Sardegna, Valle d’Aosta e Umbria fanno peggio del Veneto (0,03%). Per questo Legambiente, analizzando i numeri e non le affermazioni e propagandistiche, ha assegnato la palma di ‘nemica dei pendolari’ al Veneto”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette