Home Veneziano Miranese Nord Aprilia, nuovo stop a settembre

Aprilia, nuovo stop a settembre

Negli stabilimenti di Scorzè e Noale dell’Aprilia l’aria che si respira non è delle più rosee. Da cosa deriva questo umore nero? Soprattutto da un incontro fatto da sindacati e rappresentanti dei lavoratori con Roberto Colaninno, presidente del gruppo Piaggio a metà luglio. Colaninno non ha detto se e quanto taglierà in termini produttivi ma ha illustrato numeri da paura. Il boss di Piaggio ha spiegato che: tre anni fa in Italia si vendevano 500 mila moto, oggi la metà. Non sorride il mercato europeo, meno 20%. I magazzini degli stabilimenti miranesi sono rimasti pieni. Il gruppo ha migliorato la propria quota di mercato, ma le vendite generali si sono dimezzate, cosi Colaninno ha anche ricordato gli investimenti fatti lo scorso anno per 139 milioni, di cui 67 in Europa, e i 126 milioni di quest’anno, di cui 81 nel vecchio continente. Per i lavoratori l’incubo è dietro l’angolo. A gennaio 2013 scadrà il contratto di solidarietà per i 362 dipendenti di Noale, gli 80 di Aprilia Racing e i 368 di Scorzè. Si punta al rinnovo del contratto di solidarietà, ma ci saranno da ridiscutere diverse cose fra le parti sociali. Vista l’aria generale che tira, le notizie arrivate subito dopo l’incontro non sono state delle più felici. Ci sarà una settimana in più di stop alla produzione per Aprilia anche a settembre. Ci sarà un calo dei volumi, che dovrebbe aggirarsi sui 31 mila veicoli annui. Dopo l’estate le parti si rivedranno per decidere come muoversi. Nonostante questa preoccupante situazione, per i sindacati è positivo che “l’azienda ha confermato il piano di investimenti per il gruppo pari a 130 milioni di euro per il 2012 e di conseguenza anche gli investimenti in Aprilia sia sui restyling, sia sui nuovi prodotti sia moto che scooter. La scelta di mantenere gli investimenti costringe l’azienda a fare attenzione ai costi di produzione. E’ stata confermata la conclusione definitiva dell’intesa con la Spagna per la chiusura di Derbi che, come prevedeva l’accordo di gennaio scorso vedrà, dal 2013, tutti i volumi a Scorzè”. Intanto Aprilia ha segnalato come dalla fabbrica di Noale ci siano state nove uscite fra trasferimenti e mobilità sulle 45 previste dall’accordo. Insomma resta tutto da vedere come si metteranno le cose, che se riparte il mercato potrebbero anche migliorare.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette