Home Padovano Conselvano Guerra sul nuovo centro acquisti in zona industriale

Guerra sul nuovo centro acquisti in zona industriale

“Come volevasi dimostrare: il sindaco di Conselve, Antonio Ruzzon, giustifica la decisione di cambiare destinazione d’uso al noto capannone da artigianale a commerciale, consentendo l’installazione di un nuovo centro elettronica, dicendo che i 190 mila euro gli serviranno per non gravare di tasse i cittadini. E’ la trama di una fiction a puntate che abbiamo già visto in altri comuni della provincia dove un giorno il centro commerciale serve per fare una palestra, un altro la grande struttura di vendita arriva come la manna dal cielo per realizzare l’asilo e a Conselve serve per non aumentare le tasse. Ma sono giustificazioni puerili che servono ad “intenerire” i contribuenti, ma che non raggiungono lo scopo”.
Se prima l’Ascom Confcommercio era “arrabbiata” nei confronti dell’amministrazione di Conselve per il blitz compiuto alla prima seduta del consiglio comunale, blitz al quale aveva fatto seguito il mandato della stessa Ascom allo studio legale Cimino-Pizzato-Trovato-Fabbris di Padova per presentare ricorso al Tar al fine di vedere derubricata la scelta di cambiare destinazione d’uso al fabbricato, adesso l’Associazione Commercianti è a dir poco inviperita.
“Il sindaco Ruzzon — dichiara Franco Pasqualetti, vicepresidente dell’Ascom delegato alle questioni attinenti le grandi strutture di vendita — sa che col ricorso rischia di vedere vanificato l’introito di 190 mila euro al quale sembra tenere tanto, ma lo mette ugualmente a bilancio con l’evidente obiettivo di dire, quando la sua partita sarà persa, che è colpa dei commercianti se dovrà aumentare le tasse. Intanto però non rinuncia a ritoccarle all’insù aumentando l’addizionale Irpef”. Insomma, la polemica non sembra scemare. Semmai sembra vero il contrario.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette