Home Padovano Padova Nord Libri di testo per le primarie pagati dal comune di residenza

Libri di testo per le primarie pagati dal comune di residenza

I libri di testo per le scuole primarie sono a carico dei Comuni di residenza. E questo indipendentemente dalla scuola frequentata. A chiarirlo niente meno che la Regione. In questo modo è stato smentito il Comune di Vigonza che aveva cercato, invece, di sostenere il contraio insieme ad altri Comuni.
La Regione, di fatto, ha promosso la linea che era stata invece adottata e sostenuta da altri Comuni, come ad esempio Albignasego e Cadoneghe, tra gli altri. Questi ultimi avevano sempre sostenuto che i libri di testo delle scuole elementari li avrebbe dovuti pagare il Comune di residenza dell’alunno, sia nel caso che egli frequenti una scuola del territorio, sia che si rechi, per partecipare alle lezioni, in un Comune diverso. Venezia ha, finalmente, messo la parola fine a una “querelle” che andava avanti da anni. A lanciarla era stato il Comune di Maserà, in linea dunque con quanto asserito anche da Vigonza, secondo cui, interpretando la legge in maniera diversa, a ogni Comune spettava di pagare i libri ai bambini frequentanti le sue scuole, indipendentemente da dove abitassero.
A chiudere la diatriba, che aveva registrato disaccordo anche tra Vigonza (sulla posizione di Maserà) e Cadoneghe (in linea con Albignasego), la legge regionale numero 16 emanata lo scorso 27 aprile. Legge che , con una serie di norme, ha fatto finalmente chiarezza. L’anno scorso, addirittura, l’amministrazione di Maserà era pronta a sostenere le famiglie che, sul problema di chi paga i libri, avessero intrapreso una causa legale nei confronti di Albignasego e Padova.  
Come Maserà anche Vigonza che aveva sempre chiesto alla vicina Cadoneghe di pagare i libri anche per i suoi alunni che frequentavano le scuole del Comune limitrofo. Nonostante i libri delle scuole elementari siano per legge gratuiti, l’anno scorso alcune famiglie se li erano dovuti pagare di tasca propria, attendendo poi il rimborso che Cadoneghe aveva provveduto a chiedere a Vigonza.Ma la legge non ammette interpretazioni. È lo Stato a rimborsare ai Comuni i libri di testo per gli alunni residenti, anche se non frequentanti. Quindi spetta ad ogni amministrazione comunale accollarsi le spese dei residenti, ovunque essi studino».  Il disegno di legge dovrebbe venire ora ratificato dal consiglio regionale. Per ora i Comuni devono anticipare le spese, e poi chiedere il rimborso alla Regione.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette