Home Veneziano Chioggia Mauro boscolo bisto: “scelta impopolare ma necessaria per garantire i servizi anche...

Mauro boscolo bisto: “scelta impopolare ma necessaria per garantire i servizi anche nel turismo”

“Non è una scelta politica ma di equità sociale. Di fronte alle difficoltà dell’amministrazione a far quadrare il bilancio – a fronte di una riduzione dei trasferimenti dello Stato pari a 5 milioni di euro e ad un mancato introito dall’Ici pari a 7 milioni di euro – abbiamo deciso di chiedere in media un euro al giorno ai turisti che sono in vacanza piuttosto che andare a gravare ulteriormente sui bilanci di famiglie che già fanno fatica ad arrivare a fine mese”.
Il capogruppo del Partito Democratico Mauro Boscolo Bisto sulla introduzione dell’Imposta di soggiorno è chiaro: “Abbiamo deciso di fare una scelta che agli occhi della gente è impopolare ma la politica non può solo raccogliere consensi, deve sapersi assumere responsabilità”. “Per poter ottenere il pareggio di bilancio e garantire i servizi essenziali con un minimo di funzionalità così come ci chiedono i cittadini – spiega – abbiamo dovuto ricorrere all’aumento della tassazione (così come del resto hanno fatto tutti i Comuni di qualunque colore politico) con l’accortezza di spalmare il peso fiscale in proporzione al reddito: abbiamo introdotto l’Irpef che prima non c’era, esentando per il momento tutti i redditi fino a15mila euro; per l’Imu abbiamo scelto di applicare l’aliquota minima sulla prima casa e un po’ più alta sulla seconda”. “E tuttavia – procede Bisto – i conti non tornavano. A questo punto abbiamo deciso, a malincuore, di introdurre per i turisti la tassa di soggiorno, per i primi 10 giorni di soggiorno a Sottomarina. Riteniamo che sia un balzello molto più sopportabile, rispetto ad altre categorie economiche. Lo abbiamo fatto con la coscienza a posto perché riteniamo che questa amministrazione alle categorie economiche del turismo abbia già dato e continuerà a dare molto”. “Non è una tassa di scopo – precisa il consigliere del Pd – ma c’è un impegno da parte della giunta di utilizzare parte buona parte dei soldi – si stima 1 milione e 300mila euro – per dare risposte al mondo del turismo, dalla sistemazione della spiaggia alla pulizia, alla sistemazione delle aiuole. Risposte che altrimenti non saremmo in grado di garantire”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette