Home Padovano Padova Nord Regionale 308 nel mirino

Regionale 308 nel mirino

Travagliata ancor prima di nascere. Figurarsi oggi, a realizzazione avvenuta da anni, peccato però sia accaduto quando ormai i progetti approvati avevano rivelato una strada obsoleta e non adeguata alle mutate esigenze della mobilità.
Stiamo parlando della nuova Statale del Santo, oggi SR 308, che collega Castelfranco veneto, in provincia di Treviso, a Padova toccando numerosi Comuni tra cui anche Vigonza. La Sr sta rivelando tutta la sua inadeguatezza. Tanto che, per fare un esempio, già qualche sindaco comincia a chiedere interventi non più di ordinaria manutenzione del dissestato fondo stradale.
Non mancano poi i problemi legati alla sicurezza e all’incolumità degli automobilisti, visto che gli incidenti sono sempre più frequenti e più gravi. Tra i deterrenti usati il posizionamento di autovelox. Ne esistono due tra Loreggia e Camposampiero, che hanno “beccato” automobilisti a velocità quasi da autodromo come hanno più volte dichiarato i Vigili della Federazione dei Comuni del Camposampierese. Ai ripari è corso, tra i primi Comuni, anche Vigonza posizionando autovelox. Un chiaro deterrente voluto proprio per garantire sicurezza e incolumità lungo le strade comunali e non solo. Peccato che a più di qualcuno non sia piaciuto, e fin qui è comprensibile, ma non che qualcuno abbia oltrepassando i limiti prendendo di mira le “macchinette” con ripetuti atti vandalici. L’amministrazione è, stata costretta a correre ai ripari.
La cronaca degli ultimi giorni ha visto rimbalzare in prima pagina la notizia che i carabinieri della locale stazione di Pionca hanno individuato l’autore degli atti vandalici. È un professionista 56enne, residente a Peraga, che il 23 giugno scorso ha divelto la colonnina in via Paolo VI, vicino alla piscina comunale, gettandola poi tra l’erba. Ad incastrarlo le immagini di una telecamera di videosorveglianza. Il professionista è stato immortalato mentre, al di sopra di ogni sospetto, porta a passeggio il cane. Fino a quando, giunto davanti alla colonnina, si avventa contro sradicandola. Peccato che le motivazioni non siano quelle di un automobilista alle prese con le multe. L’uomo, vicino agli ambienti politici di centrosinistra, avrebbe detto di averlo fatto perché odia il sindaco di centrodestra. E’ stato denunciato per danneggiamento aggravato.
La nuova Statale del Santo non è utilizzata solo dai residenti di Vigonza visto che è uno dei corridoi viari più affollati dell’Alta padovana. Ogni anno l’aumento del traffico oscilla tra il 5 e il 7 per cento con le punte più alte durante la stagione autunnale. Risulta quasi impossibile, allora, immettersi dalle rampe laterali negli orari di punta. Senza contare quando vengono eseguiti lavori di manutenzione che finiscono per creare code interminabili lungo tutto il tracciato per chilometri.
Anche il Comune di Cadoneghe è riuscito a ottenere l’autorizzazione a installare un autovelox, ma servirà a far rallentare i veicoli solo nel breve tratto in cui sarà collocato.
Un palliativo, allora, secondo i più per i quali non basterà un autovelox, come gli altri già posizionati ad esempio nel tratto tra Loreggia e Camposampiero, a risolvere i problemi di sicurezza che da sempre affliggono la strada. Insomma, arrivati a questo punto, l’unico a compiere il miracolo potrebbe essere solo …il Santo.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette