Home Rodigino Delta Un passo avanti per le concessioni di Caleri

Un passo avanti per le concessioni di Caleri

Diciotto ettari di laguna Caleri da dare in concessione ai coltivatori di vongole. Poca cosa per risollevare le sorti dell’acquacoltura nelle valli rosolinesi, ma i molluschicoltori li stanno aspettando dalla Regione Veneto fin dal 2008. A lanciare l’ennesimo appello, ma con tono da ultimatum, sono stati Alfieri Baruffaldi e Ivan Padovan, rispettivamente presidente e vice del Consorzio Delta nord di Rosolina, associato a Impresa pesca Coldiretti. 

“Questo ritardo nel rilascio delle concessioni non ce lo spieghiamo — ha detto Alfieri Baruffaldi —. Dal 2008, ci sono stati innumerevoli incontri. Il mondo della pesca che opera nelle lagune di Caleri e Marinetta ha incontrato tutte le le istituzioni preposte e nonostante l’approvazione di uno specifico protocollo d’intesa con le linee guida per le concessioni, stiamo ancora aspettando. Così non si arriva da nessuna parte. I nostri associati sono stanchi e pretendono delle risposte. Ormai siamo pronti a gesti eclatanti”.

Il problema dei 280 molluschicoltori rosolinesi (fra consorzi, cooperative e imprese singole) nasce da una forte disparità di trattamento rispetto alle marinerie limitrofe: un vongolaro polesano può contare in media su 4500 metri quadri di laguna pro capite da coltivare, quando i colleghi ferraresi di Goro ne coltivano 10 mila a testa e quelli veneziani di Chioggia ne hanno a disposizione 20 mila. Dell’intera laguna di Caleri che presenta caratteristiche di demanialità e che sarebbe, dunque, passibile di concessione marittima, la Regione Veneto ha promesso di metterne a bando soltanto diciotto ettari, il che significa circa 500-600 metri quadri in più per ciascun coltivatore di vongole. L’appello dei pescatori tuttavia non è rimasto inascoltato e sulla questione è recentemente intervenuto l’assessore regionale alla pesca, Franco Manzato.
“Con il collega della Provincia di Rovigo, Claudio Bellan — ha spiegato – abbiamo analizzato i principali aspetti della questione al fine di definire i contenuti delle norme tecniche che Regione e Provincia predisporranno al più presto per il rilascio di 18 ettari di superficie del demanio marittimo in laguna di Caleri. Con l’Amministrazione provinciale abbiamo concordato di procedere alla pubblicazione di un bando congiunto per l’assegnazione delle concessioni, demandando ai nostri uffici regionali il compito di effettuare un ulteriore approfondimento con le categorie interessate del settore pesca per affinare i contenuti tecnici da inserire nello stesso bando di gara”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette