Home Veneziano Miranese Nord Casa di riposo entro il 2012

Casa di riposo entro il 2012

Per fine anno Noale potrebbe avere un atteso regalo: la conclusione dei lavori della nuova casa di riposo di via De Pol. Dunque non ci saranno ritardi e, a due anni dalla posa della prima pietra, l’edificio sarà pronto per dicembre, con la possibilità di trasferire gli anziani nel primo quadrimestre del 2013. La nuova struttura di via De Pol andrà a sostituire la vecchia “Santa Maria dei Battuti” all’interno dell’ospedale. “I tempi saranno rispettati” spiega il sindaco Michele Celeghin “e, anzi, mi auguro di poter guadagnare qualche settimana sul previsto”. Lo stesso Celeghin ha aggiunto come siano circa venti gli anziani ospitati in residenze fuori comune che hanno fatto richiesta di rientrare “a casa”. Da dicembre 2010, sono al lavoro gli operai e la casa di riposo ospiterà fino a cento-centoventi ospiti, comoda da raggiungere dal centro e dal parcheggio della stazione. Avrà tutte le carte in regola per essere un edificio a norma, anche dal punto di vista energetico: il riscaldamento inciderà solo per il 20 per cento sui costi totali e il tetto avrà il sistema fotovoltaico. Ci saranno trenta posti nei quattro nuclei in corso di realizzazione e tutti i locali avranno i servizi previsti dalla legge, ovvero il bagno assistito, il presidio infermieristico, la cucinetta, oltre alle zone pranzo e ampi soggiorni per assicurare agli ospiti quanto necessario, per le loro esigenze d’assistenza, sanitarie e di relazione sociale. Al piano terra, nel corpo centrale, ci saranno l’atrio d’ingresso, l’accettazione, gli spazi comuni di soggiorno, i locali riservati all’animazione, il bar e attività varie. Da questo corpo si accederà alle due ali del fabbricato; sul lato est troveranno posto la direzione, l’amministrazione, gli ambulatori, la fisiochinesiterapia, la palestra per l’attività motoria, gli ambulatori e i locali per il servizio di medicina di gruppo. Sul lato ovest sorgeranno la chiesetta, il locale animazione, il barbiere e il parrucchiere, più gli spogliatoi per il personale, la cella mortuaria, la cucina e i depositi e magazzini. Non meno importante, per la qualità complessiva dell’intervento, è la sistemazione dell’area scoperta con i giardini e le attrezzature sportive, vedi i campi da bocce. Inoltre ci saranno 106 posti auto, per consentire ai famigliari di lasciare la macchina in zona. Il costo si aggira attorno ai 15 milioni di euro, ma zero per le casse comunali, perché si sta costruendo con la concessione di gestione a una struttura privata. Questo garantisce al Comune, ovvero alla parte pubblica, un controllo sulla conduzione e sui servizi erogati.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette