Home Riviera del Brenta Riviera Ovest Elettrodotto, la battaglia continua

Elettrodotto, la battaglia continua

Terna pubblica l’avviso di approvazione dell’elettrodotto aereo Dolo- Camin da 380 kv e piovono critiche da parte degli enti locali e dei cittadini del comprensorio della Riviera del Brenta. I Comuni, i comitati e i cittadini, infatti, che hanno presentato vari ricorsi al Consiglio di Stato contro il progetto, continuano a sostenere l’interramento totale della tratta. Contro quest’opera si è schierato per l’ennesima volta il comune di Vigonovo con il vicesindaco Filippo Fogarin. Il comune si è subito attivato mettendo a disposizione i propri uffici. C’è per questo anche un numero telefonico. Per informazioni infatti bisognerà telefonare al numero 049-9834911, mentre l’elenco dei cittadini coinvolti dagli espropri è pubblicato nell’albo pretorio. Il parallelo che i comuni rivieraschi e comitati fanno è quello con il Vallone Moranzani. A Malcontenta dove saranno sepolti i rifiuti chimici pericolosi di Porto Marghera in un sarcofago, l’elettrodotto sarà interrato, in Riviera dicono i comitati “Cat” questo non succede. E questo nonostante il paesaggio da salvaguardare possieda un pregio architettonico maggiore di quello dell’area industriale di Porto Marghera. A questi parallelismi però non ci stanno a Malcontenta. “Si tratta di atteggiamenti da parte di certi comuni e comitati — spiega Dario Giglio portavoce della delegazione di zona di Malcontenta — incomprensibili. Noi vogliamo che tutta la linea venga interrata se fosse possibile e certo non accettiamo l’ipotesi che visto, Terna non farà l’interramento in Riviera non lo debba fare qui dove l’accordo sul Vallone è di ampia portata e suffragato da consultazione popolare”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette