Home Veneziano Cavarzere Bettinelli e Piazzon sorpresi

Bettinelli e Piazzon sorpresi

Mentre i due esponenti di spicco di Alleanza per Cavarzere, Zulian e Belloni, chiedono le dimissioni del sindaco Tommasi, gli altri due diretti interessati, Ezio Bettinelli e Otello Piazzon, entrambi del Pd, reagiscono in maniera certamente individuale ma si tacciono, almeno finchè il partito darà loro nuovo ordine. Per quanto riguarda l’ex vicesindaco e assessore all’Urbanistica si è trattata di una decisione certamente inaspettata, tuttavia il suo tono è discreto e pacato, come la sua bocca è bella cucita.
“Sono giorni delicati — l’unico commento – Per ora ci vuole molta pazienza e molta calma, anche perché non abbiamo nessuna novità sostanziale. Si tratta di capire qual è il punto di partenza e quello di arrivo”.
Più loquace invece l’ex assessore ai Trasporti Ezio Bettinelli, che si lascia andare ad un racconto più sentito sulla vicenda. “Ho ricevuto – dice – una telefonata inaspettata del sindaco, giovedì 19 settembre nel pomeriggio, in cui mi comunicava la decisione del ritiro delle deleghe, adducendo come motivazione il fatto di non avere fatto lavorare bene la giunta, motivo per cui riteneva fosse arrivato il momento di cambiarla. E’ stato uno smacco non indifferente. Da quel momento non ho più visto il sindaco”.Sulle motivazioni reali, potrei togliermi più di qualche sassolino – sentenzia Bettinelli, che però dovrà aspettare fino a nuovo ordine del Pd – prima di dire le cose che so”.
Insomma, si infittisce il mistero sulla vicenda, mentre Bettinelli sterza parlando di critiche subite a livello personale che riguardavano il suo atteggiamento “impetuoso” nel comunicare e nel fare politica, che in realtà gli appartiene da sempre. “Sono stato uno dei più votati nel mio partito, anche se ero una faccia nuova. Risultati che alcuni si sognano! Forse ho dato fastidio a qualcuno, con questo mio comportamento e con la mia coerenza con gli impegni presi”.
Infine, per quanto concerne il rapporto con Otello Piazzon Bettinelli non fa mistero: “Abbiamo avuto alcune discussioni, perché a mio avviso non coinvolgeva abbastanza gli altri assessorati nelle sue scelte”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette