Home Rodigino Grandi mostre al Roverella

Grandi mostre al Roverella

Roverella aperto tutto l’anno. Sarà la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo a garantire d’ora in avanti una adeguata gestione dello storico palazzo. La sede della pregevole Pinacoteca dell’Accademia dei Concordi e del Seminario, qualificatasi negli ultimi anni come eccellente riferimento per importanti mostre d’arte realizzate dalla Fondazione stessa, è stata interessata negli ultimi mesi da un opportuno intervento di manutenzione e riorganizzazione degli spazi (costo Euro 300.000) per garantire un migliore utilizzo degli ambienti ed un più idoneo percorso di visita alle mostre. Dell’intervento migliorativo e dei programmi espositivi ha parlato in un’apposita conferenza stampa Antonio Finotti, presidente della Fondazione, che ha sottolineato l’importanza della convenzione sottoscritta con il Comune di Rovigo. In virtù di questo accordo la Fondazione gestirà il palazzo per dieci anni, garantendo qualificati eventi d’arte, nonché la valorizzazione della quadreria della Pinacoteca rodigina. Si comincia da subito con due importanti eventi: “Aria, rassegna internazionale dell’illustrazione”, seguita da “La Maison Goupil e l’Italia”. Ad illustrare le due mostre sono intervenuti i rispettivi responsabili. Andrea Nante, direttore del Museo Diocesano di Padova, ha sottolineato come “Aria”, allestita dal 27 ottobre 2012 al 13 gennaio 2013, faccia riferimento al soffio del vento, ovvero al desiderio di rapportarsi con il trascendente. In esposizione opere di un centinaio di artisti di tutto il mondo, illustratori di varie fedi, cristiani, mussulmani, ebrei, seguaci di culti orientali, in un’ottica interculturale. Illustrazioni che si basano su suggestivi voli della fantasia alla ricerca del sacro. La mostra punta in particolare ad ottenere un positivo impatto sui più giovani. Saranno pertanto interessate in via prioritaria le scuole, con proposte di Laboratori didattici e dell’illustrazione, che affiancheranno l’aspetto espositivo, in modo da coinvolgere al meglio gli alunni. Il grande evento d’arte “La Maison Goupil e l’Italia,” si svolgerà dal 22 febbraio al 23 giugno 2013. Il curatore della mostra Paolo Serafini ha posto l’attenzione sul sottotitolo con cui si presenta l’importante esposizione “il successo degli italiani a Parigi negli anni dell’impressionismo”. Un centinaio gli artisti italiani che dalla fine degli anni ’60 agli ’80 dell’Ottocento raggiunsero Parigi avviando stretti rapporti con la famosa Casa d’arte Goupil, famosa in Europa e in America per le proposte di opere di rilievo internazionale. Gli italiani rappresentarono un importante fenomeno culturale, per cui la “maison Goupil” registrò la presenza di nomi di artisti ben presto qualificatisi a livello internazionale. Cosicché, a partire dal prossimo 22 febbraio, approderanno al Roverella importanti opere di Giuseppe De Nittis, di Alberto Pasini, Giovanni Boldini, Antonio Mancini, Domenico Morelli, Matteo Corcos, tutti attratti da Parigi e dall’attivismo della Casa d’arte che, accanto ai quadri dei pittori con cui raggiungeva accordi di collaborazione, spesso produceva e commercializzava riproduzioni a stampa delle più significative opere. E anche questo aspetto sarà presente nella mostra del Roverella, per cui si potranno gustare interessanti proposte grazie al reperimento di riproduzioni d’epoca.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette