Home Padovano Bassa Padovana Le idee per il futuro

Le idee per il futuro

Il trentaseiesimo Palio dei 10 Comuni finisce ancora a Casale di Scodosia. Il trionfo del fantino senese Alessandro Chiti ha regalato la seconda vittoria consecutiva (l’anno scorso non venne assegnata per annullamento dell’evento) al Comune casalese, vero dominatore delle recenti edizioni. La cronaca dell’evento è tuttavia ormai storia archiviata.
Rimane invece ancora oggetto di riflessioni l’andamento della manifestazione, che per gli organizzatori deve essere promossa a pieni voti. Fiorenzo Greggio, nuovo presidente del Palio, vede in questa edizione un “inizio incorraggiante per questo nuovo corso del Palio. Il nostro obiettivo è di favorire la cultura, a costo di sacrificare la “popolarità” dell’evento. Per questo abbiamo affidato i due momenti chiave, il giuramento e l’incendio della rocca, a dei “professionisti” del settore.
Non vogliamo però fermarci qui: il Prototeatro di Montagnana e il regista Alfredo Badiello hanno fatto un lavoro grandioso, ma l’anno prossimo speriamo si arrivi ad avere un vero e proprio concorso di idee, potendo pescare gli attori della manifestazione tra più realtà”.
Tra le idee c’è quella di spostare la cerimonia del giuramento in un altro Comune: “A Montagnana ci sono troppi eventi, e la gente è abituata e stanca. Spostando la serata in un altro luogo, potremmo attingere a nuova linfa e nuovi spettatori”, è il parere di Greggio. Tra le critiche più feroci mosse al Palio 2012 c’è sicuramente il balzello di 2 euro da pagare all’ingresso nella cittadina: una novità che ha lasciato molti scontenti e che, i dati lo dimostrano, ha toccato in negativo le presenze nel centro storico montagnanese.
Ma Greggio difende l’idea, e anzi rincara: “Vorremmo creare sinergia con le realtà montagnanesi, garantendo con il biglietto di ingresso qualcosa di più: una pastasciutta in osteria, uno spritz in uno dei bar, una medaglietta celebrativa. In questo modo quei 2 euro avrebbero una maggiore giustificazione, se già lo spettacolo della sfilata e del mercatino non bastasse”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette