Home Padovano Bassa Padovana Nuovo liceo, un campus

Nuovo liceo, un campus

Si apre una nuova era per il liceo “G.B. Ferrari”: all’inizio dell’anno scolastico gli studenti del complesso liceale hanno fatto il primo ingresso nella nuova sede di via Stazie Bragadine, struttura avveniristica di quasi 5.000 metri quadri e certamente uno dei gioielli dell’istruzione provinciale. Un polo scolastico, quello liceale, che ricorda un campus americano, capace di accogliere circa 850 studenti e dotato di 34 aule didattiche, cinque aule speciali, tre laboratori, quattro sale lettura, e ancora sale relax e una biblioteca che può contenere 30 mila volumi. La struttura, costata 16 milioni di euro finanziati dalla Provincia, è il frutto di quattro anni di lavori. Il cantiere non è però ancora “chiuso”.
“Metà del materiale è ancora nelle vecchie sedi – conferma il dirigente scolastico Barbara Frizzi – e non poteva essere altrimenti visto che abbiamo avuto pochissimi giorni per sistemare gli spazi, visto che gli operai se ne sono andati a fine luglio. Il personale Ata ha lavorato a tempi di record per tutta agosto a ritmi serrati per ripulire aule e corridoi, consegnati praticamente con i resti di cantiere”.
Al primo giorno di scuola la struttura non era ancora stata dotata di linea telefonica, servizio essenziale per un istituto di istruzione di queste dimensioni. Alcuni spazi non sono ancora utilizzabili, come il cortile esterno e la palestra (adibita per ora a deposito e con qualche problema di tempistica per l’impianto fotovoltaico). Mancano anche gli apparecchi per la distribuzione degli snack. Le carenze sono tuttavia temporanee, visto che gli enti responsabili si sono impegnati a risolvere queste lacune entro i primi mesi del 2013. Quando, probabilmente, si terrà anche l’inaugurazione ufficiale.
Per l’occasione è già pronta un’opera artistica realizzata dagli studenti del liceo e dal professor Antonio Zancanaro, da collocare nel cortile del complesso: una Nike di Samotracia in marmo di Nanto.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette