Home Rodigino Adria Chi sostiene chi

Chi sostiene chi

Si attendeva da due anni. Le si aspettavano da quando, nell’estate del 2010, Vendola chiese al Partito Democratico di mettersi in gioco, di accettare le primarie, con la sua conseguente candidatura a Leader di una futura coalizione di centrosinistra. Come sono andate le cose, è fatto noto. A novembre, tuttavia, ci si accingerà a votare alle primarie di coalizione di Pd e Sel. In questa occasione molti volti noti della politica rodigina si ritrovano “l’uno contro l’altro”. Diego Crivellari, segretario provinciale del partito, ha deciso di sostenere Bersani. “Il nostro segretario è la massima espressione del partito. E non dimentichiamo che è stato un apprezzato ministro anche per le sue scelte in ambito di liberalizzazioni. Competenza, esperienza e rappresentatività: queste sono le caratteristiche di Bersani che faranno propendere me, e molti altri, ad appoggiarlo”. Gabriele Frigato, ha invece deciso (in linea con la sua storia politica personale) di sostenere Tabacci. “Voterò Tabacci perché sono convinto che l’Italia abbia bisogno di un governo che sia in continuità con il lavoro, l’operato e la serietà di Mario Monti”, sottolinea “Bersani ha bisogno che qualcuno sostenga insieme a lui questa linea. Vendola, mi pare, dice cose estremamente diverse da noi”. Altro esponente locale, altro candidato: il voto di Federico Frigato andrà a Renzi. “Io seguo Renzi da quando sono entrato in consiglio comunale nel 2006 a Rovigo. Ho cominciato ad osservarlo e mi sono appassionato a ciò che diceva e a come lo faceva. Il legame con lui si è poi rafforzato un anno e mezzo fa, quando è venuto a sostenermi alle elezioni amministrative”. Votare Renzi, in questo caso, è una scelta naturale. Infine c’è Sel, il cui segretario provinciale, Mirko Bolzoni, spiega che appoggiare Vendola significa “votare per l’unico candidato che ha un reale progetto di trasformazione della società, partendo da sinistra”. Le punte di diamante della candidatura di Vendola sono tre: “attenzione al lavoro con, ma non solo, la proposta del reddito minimo di cittadinanza; ambiente, visto come chiave di volta dei progetti economici; attenzione alle tematiche civili, che ci pongono nella modernità e in linea con gli altri paesi”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette