Home Veneziano Miranese Sud Ecco Zara, il quinto assessore

Ecco Zara, il quinto assessore

Maria Rosa Pavanello ha scelto il quinto assessore della sua giunta: è il giovane Cristian Zara, 33 anni, segretario del locale circolo di Rifondazione comunista. Zara, residente nel quartiere di Luneo, si occuperà di Politiche per i giovani, Sport, Casa e Lavoro, deleghe che il sindaco aveva tenuto per sé al momento del varo della giunta, a maggio. Così il sindaco ha motivato la sua scelta: “Il progressivo accumularsi di impegni derivanti in particolar modo dalle novità a livello normativo, prima tra tutte la delicata fase che porterà alla nascita della Città metropolitana, ha reso oggettivamente impossibile continuare l’attività della giunta comunale con una squadra di soli quattro elementi. Soprattutto considerando che fino a pochi mesi fa, nella precedente giunta di centrodestra, la giunta era composta da ben sette assessori. Non è quindi più rinviabile, per quanto ci riguarda, la nomina del quinto assessore. Ciò permetterà una maggiore elasticità e una più veloce reattività nella risposta alle istanze dei cittadini, sia nelle materie di competenza del nuovo referato, sia in quelle che rimarranno in capo al sindaco e agli altri assessori. Tra le priorità attuali, c’è senz’altro l’impegno per ottenere i 19 milioni di euro per opere compensative al Passante autostradale non ancora erogati dalla Regione”. Delega questa che il sindaco ha voluto per sé, e sulla quale ora vorrebbe concentrarsi. Zara lavora nel sindacato della Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa, è vice responsabile provinciale del servizio di patronato e consulente in materia di previdenza e assistenza. Rappresenta il Cna nella consulta provinciale per l’immigrazione e nei tavoli per l’immigrazione in questura e prefettura. È anche componente dell’Associazione italiana arbitri, e fa parte del direttivo dell’Anpi, l’associazione italiana dei partigiani di Mirano. Pavanello parla della nomina di Zara come risultato di un confronto serio e approfondito all’interno della coalizione. In realtà non son mancati veti incrociati alla nomina di un assessore che è espressione di un partito che non è riuscito ad affermarsi in Consiglio comunale. A riprova di ciò le voci, che si sono rincorse per mesi, sull’imminente nomina di un esponente di Rifondazione quale nuovo assessore, poi sempre smentita e rinviata. “Al nuovo assessore va il mio augurio di buon lavoro: sono sicura che saprà svolgere al meglio il compito che gli viene affidato, collaborando all’attuazione del programma che gli elettori ci hanno chiesto di realizzare” ha aggiunto Pavanello, all’atto dell’agognata nomina.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette