Home Rodigino Delta Finanze incerte, pesano errori e debiti con Italgas

Finanze incerte, pesano errori e debiti con Italgas

Un numeroso pubblico ha partecipato all’assemblea pubblica “Bilancio — Problemi e Prospettive” organizzata dall’Amministrazione Comunale. Ad aprire la serata l’intervento del sindaco Francesco Siviero, che ha illustrato con precisione la situazione economica di Taglio di Po e le prospettive all’orizzonte: “Questa prima assemblea pubblica — ha affermato — vuole essere l’inizio di un percorso da condividere con la cittadinanza. Accetteremo volentieri ogni tipo di critica costruttiva”. “Le uscite di spesa corrente, – ha proseguito Siviero – per il 2012 sono pari a 4.386.000 euro, cifra che racchiude i costi dell’intero funzionamento della macchina amministrativa e i servizi offerti. Purtroppo sono diminuite le entrate previsionali derivanti da trasferimenti statali, di quasi un milione di euro da aprile ad agosto 2012”. Complice della marcata riduzione, la diminuzione del contributo ordinario spettante ai singoli enti, con un ipotizzato taglio di 40.000 euro sugli stipendi, un taglio di 160.000 euro in base alla ripartizione dell’Imu a livello territoriale e la sanzione di 138.000 euro per lo sforamento del Patto di Stabilità. “Ma a creare le maggiori difficoltà, – ha proseguito Siviero — ci ha pensato un taglio di 427.551 causato da un iniziale errore di calcolo compiuto dal Ministero dell’Interno. Infatti, nel 2010, secondo lo Stato Italiano, il Comune di Taglio di Po ha percepito 300.000 euro in meno di Ici. Oggi, sempre secondo quei calcoli, gli importi di Imu introitati quest’anno sono maggiori del reale fabbisogno e di conseguenza, viene “preventivamente” tolta a Taglio di Po la differenza derivante da tale calcolo. Abbiamo avvisato il Ministero dell’Interno, interessato il prefetto e siamo andati a Roma con i conti alla mano per dimostrare il calcolo errato. Ad oggi, il Ministero non ha corretto tale calcolo e Taglio di Po si ritrova di nuovo con una decurtazione ingiustificata. Probabilmente si dovrà attendere febbraio 2013 per avere un nuovo conteggio”. È stata poi affrontata la questione Italgas, società pubblica con la quale il Comune si trova indebitato per circa 1.800.000 euro. Motivo dell’indebitamento, una serie di migliorie operate dalla società prima della sua sostituzione con l’ente delle Autorità d’Ambito. Tali migliorie mai pagate, risultano oggi un debito che se non dovesse essere risolto, provocherebbe l’avvio della procedura di dissesto, con la quale l’Amministrazione dichiara “fallimento” e gli amministratori sono accompagnati nella gestione straordinaria da delegati del Ministero per ripianare i debiti. “Il percorso intrapreso — ha concluso Siviero – è quello di ridurre le spese con la razionalizzazione delle risorse a nostra disposizione e la diminuzione delle spese mantenendo comunque un buon livello qualitativo dei servizi. Sapevamo a cosa saremmo andati incontro quando ci siamo candidati alle elezioni ed ora vi assicuro che le tenteremo tutte consapevoli di dover dire purtroppo parecchi no”. La serata, dopo un approfondimento dell’assessore Veronica Pasetto, si è conclusa con i numerosi interventi del pubblico presente in sala.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette