Home Veneziano Cavarzere Protezione civile: due giorni per la formazione

Protezione civile: due giorni per la formazione

Due giorni dedicati alla formazione e all’aggiornamento per la Protezione civile di Cona, ma anche per alcune squadre di Cavarzere e Chioggia, sono stati promossi dall’amministrazione comunale di Cona il 12 e il 13 ottobre scorso.
Grazie all’ospitalità di Pier Guido Sturaro, si sono potute svolgere alcune attività dedicate all’aerosoccorso, creando così un’occasione per diventare maggiormente consapevoli di quali possano essere, in termini di efficienza e tempestività, i risultati di una collaborazione tra il soccorso aereo e quello via terra in caso di emergenza. Il tutto si è svolto grazie alla presenza di alcuni piloti volontari del Centro aerosoccorso volontario di Treviso, i quali sono arrivati a Cona coi loro mezzi, che sono stati utilizzati per l’esercitazione.
L’iniziativa ha coinvolto anche degli studenti di Cona, in particolare alcuni degli studenti della scuola primaria “G. D’Annunzio” e della scuola secondaria di primo Grado “T. Livio”. Nella prima mattinata di attività, i piloti del Cav hanno fatto visita agli studenti, recandosi nelle due scuole per premiare i vincitori di un concorso promosso dall’amministrazione comunale di Cona. I ragazzi che si sono distinti per l’impegno nello studio e nella partecipazione al concorso hanno ricevuto un premio speciale, hanno infatti potuto volare coi piloti del Cav nel pomeriggio di venerdì 12 ottobre.
Prima di questo importante appuntamento coi ragazzi, si è però svolto nella tarda mattinata un incontro tra i piloti e i coordinatori della Protezione civile comunale di Cona. Nel primo pomeriggio sono quindi arrivati presso l’aviosuperficie Sturaro di Monsole i dieci fortunati ragazzi che sono stati accompagnati in volo dai piloti del Cav e si è conclusa così la prima giornata di esercitazione.
Nella giornata del sabato i partecipanti si sono invece maggiormente concentrati sull’attività di soccorso, l’esercitazione aveva lo scopo di fornire un supporto di addestramento al personale locale di Protezione civile, attraverso l’impiego dei mezzi aerei del Cav ma anche di strutture di coordinamento e controllo. In particolare l’addestramento si è concentrato nell’organizzazione di operazioni combinate di ricerca e salvataggio di sopravvissuti, anche durante situazioni calamitose che potrebbero interessare aree più o meno ristrette.
L’esercitazione è cominciata nella mattinata di sabato con l’allerta della Protezione civile e l’inizio dell’organizzazione delle squadre di volontari, i capi area della Protezione civile hanno poi chiesto di intervenire al Cav che, operando con velivoli ultraleggeri, ha agevolmente perlustrato la zona, riportando poi le informazioni, relative ai danni e alla situazione reale, alla sala operativa. Dopo un briefing pre-missione, durante il quale sono state definite le aree di ricerca, si sono alzati in volo su Cona due velivoli del Cav, uno dei quali era comandato dal pilota Fausto Bernardini, una vera e propria personalità nel campo del volo, che ha individuato l’obiettivo. Infine, le squadre terrestri, che già si erano mosse nel territorio con il coordinamento della Protezione civile, hanno raggiunto l’obiettivo individuato dai mezzi in volo.
Un’esperienza formativa da ripetere a detta di tutti i partecipanti, che si sono dati appuntamento alla prossima edizione, preannunciata ancor più ampia e coinvolgente dall’assessore di Cona Antonio Bottin, che ha promosso l’organizzazione dell’iniziativa.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette