Home Padovano Bassa Padovana Valdastico sud, Montagnana spera

Valdastico sud, Montagnana spera

Nel primo giorno di vita ha contato cinquemila veicoli in transito, con punte di oltre 400 auto all’ora e, in qualche momento, piccole code al casello di Longare. Compie ormai più di un mese il nuovo tratto di Valdastico Sud. Lo scorso 22 settembre sono infatti stati aperti alla circolazione i sette chilometri di A31 Sud che collegano Vicenza a Longare, avvicinando sempre di più al nostro territorio un’arteria che tra qualche mese parlerà molto più padovano, visto che la prosecuzione della Valdastico Sud si spingerà poi verso Santa Margherita d’Adige e Piacenza d’Adige. La parte di autostrada che è stata inaugurata è costata 135 milioni di euro (il 5% in più rispetto alle previsioni del 2005) e fa parte del maxi investimento da 1.220 milioni che interessa l’intero tratto. Per percorrere la distanza tra Vicenza e Longare ora si impiegano poco meno di cinque minuti: un lusso che pareva un miraggio solo qualche anno fa.
“Passo dopo passo il quadro della nuova viabilità del basso Veneto si sta componendo — è il commento del sindaco di Montagnana, Loredana Borghesan – Infatti con l’inaugurazione del primo tratto della Valdastico Sud di fatto si è aperto il primo importante collegamento nord-sud del Veneto, che vedrà il Montagnanese il fulcro della nuova viabilità. Il tracciato della Valdastico Sud metterà in collegamento le altre grandi arterie in via di progettazione: la nuova Sr 10 e l’autostrada Nogara-Mare. Naturalmente il cammino per la loro definitiva realizzazione è ancora lungo, ma il fatto che siamo già arrivati all’inaugurazione del primo tratto dell’A31 Sud fa ben sperare che il tutto si concretizzi in tempi ragionevoli”. La stessa Borghesan ricorda come, in questo disegno di evoluzione della viabilità nostrana e veneta, la Regione abbia espresso parere favorevole di compatibilità ambientale anche sul prolungamento in direzione nord dell’A31, a partire dal Comune di Piovene Rocchette sino all’intersezione con la A22 Brennero. Ritornando all’A31 Sud appena inaugurato, è stata confermata la “scaletta” di uscite previste da Montegaldella-Longare sino al Montagnanese: Albettone-Barbarano Vicentino, Agugliaro, Noventa Vicentina, Santa Margherita d'Adige, Piacenza D'Adige, Badia Polesine e infine la barriera che collega alla statale 434 Transpolesana. Secondo gli addetti ai lavori, il cantiere definitivo potrebbe chiudersi già entro il 2014. Data, si spera, in cui sarà già a buon punto anche il cantiere della nuova Sr 10 attualmente ferma a Carceri. Su questo fronte non è ancora stato svelato il piano economico dell’arteria, che sicuramente sarà a pedaggio.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette