Home Rodigino “I numeri non restituiscono l’intensità del dramma”

“I numeri non restituiscono l’intensità del dramma”

“La situazione effettivamente è più che drammatica – ammette l’assessore competente – i numeri non restituiscono l’intensità del dramma delle persone che stanno soffrendo a causa della perdita della casa”. Situazioni estremamente critiche che toccano le classi meno abbienti, per lo più immigrati, nuovi poveri e anziani. È un fenomeno che preoccupa sempre di più e al quale il Comune cerca di far fronte ma, se da un lato le risorse sono sempre più esigue, dall’altro vi è un aumento esponenziale della domanda. La risposta all’emergenza abitativa che attualmente possiamo dare è quella di ”tamponare” la situazione ricorrendo agli alloggi parcheggio di proprietà comunale, alla quota di alloggi Ater destinati all’emergenza, e tentando di prorogare lo sfratto o scongiurarlo con un contributo al proprietario, altrimenti gli sfratti incombenti sarebbero molti di più. Abbiamo bloccato per un anno il bando delle case Ater – conclude l’assessore ai Servizi sociali – e lo bloccheremo anche quest’anno. Il blocco di questi 2 anni servirà ad andare ad assegnare le case sulle vecchie graduatorie in modo da mettersi in linea con le domande arretrate, per cui ogni anno in cui si farà il bando dopo 3 mesi seguirà la graduatoria, e non dopo 3 anni”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette