Home Rodigino “No all’ultimatum della Regione”

“No all’ultimatum della Regione”

“Apprendiamo dalla stampa che sarebbe giunta al Sindaco di Rovigo una lettera da parte della Regione Veneto con la quale viene sollecitato a prendere una decisione sul progetto del Passante Nord con tracciato a sud del canale Ceresolo entro il 28 febbraio, pena il ritiro del finanziamento. Non è chiaro da quale Ufficio sia stata inviata: se si trattasse della Segreteria alla Infrastrutture sarebbe ancora una volta un’iniziativa dell’Ing. Vernizzi in una delle sue poliedriche vesti: oltre ad essere A.D. di Veneto Strade e Presidente della Commissione V.i.a., l’Ing. Vernizzi è infatti anche Segretario regionale alle Infrastrutture; il cumulo di cariche non ha limiti! Ma forse la missiva è a firma dell’assessore regionale alle Infrastrutturale, diretto “superiore” di Vernizzi. Invitiamo il Sindaco, a tutela degli interessi della città, a respingere questo ultimatum condito di ricatto e ad ascoltare invece il grido d’allarme che viene dai cittadini. Gli ricordiamo che egli ha preso il solenne impegno che a decidere sulla questione sarà il Consiglio comunale al quale ci appelliamo affinché la scelta sia fatta esclusivamente in base al bene della città. Vorremmo poi capire da cosa derivi questa smania di realizzare a tutti i costi e in tutta fretta quest’opera, quando a suffragarne la necessità non esiste alcuno studio della viabilità su basi scientifiche ne tanto meno un Piano del traffico del capoluogo, presupposto indispensabile per la realizzazione di un’opera viaria così importante. Ricordiamo ancora una volta che si tratta di una decisione definitiva, dalla quale non sarà possibile tornare indietro e che pertanto non può in alcun modo essere assunta con il “fiato sul collo” né di Veneto Strade né della Regione. A decidere sulle sorti della città devono essere i suoi cittadini e nessun interesse particolare deve prevaricare quello generale! Anziché sottoporsi a ricatti, invitiamo invece il Sindaco a chiedere sia fatta piena luce sulla parte di opere già realizzate sotto il capitolo “Passante Nord”, chiedendo a Veneto Strade tutti gli atti di contabilità finale dei precedenti appalti nonché le varianti alle opere che si sono succedute. É doveroso che l’Ente rappresentato dall’Ing. Vernizzi documenti fino all’ultimo euro, vieppiù in questi tempi di crisi, come è stato speso il denaro pubblico che ha finanziato l’opera.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette