Home Veneziano Miranese Nord Arrivano i cassonetti a calotta

Arrivano i cassonetti a calotta

Anche Noale è pronta a cambiare il sistema di raccolta differenziata, adeguandosi agli altri comuni del Miranese che, eccetto Salzano, già da diversi mesi adottano i cassonetti a calotta per conferire il secco. Per aprirli servirà una tessera magnetica. Sarà un cambio progressivo, studiato con Veritas, perché da febbraio si partirà con le frazioni Briana, Cappelletta e Moniego, per 2980 famiglie e 250 attività, nel secondo semestre 2013, allargarlo anche al centro storico di Noale, per 3900 famiglie e 450 attività. Unica esente via San Dono, dove si applicherà il “porta a porta”, a causa della scarsa visibilità delle strade laterali che finirebbe per creare problemi. I cassonetti del rifiuto secco saranno sostituiti con quelli a calotta e, per aprirli, servirà una chiavetta personalizzata, che non servirà però a rilevare i conteggi di ciascun utente. Anche gli altri contenitori saranno cambiati, creando un’oasi ecologica. All’inizio ci saranno una trentina di nuove isole, per arrivare a una novantina in totale. Le sanzioni andranno da 167 euro. “Partiamo da un 55 per cento di differenziata — spiega l’assessore all’Ambiente Renato Damiani — ma in un anno, vogliamo raggiungere il 70 per cento”. Noale è l’ultimo comune del comprensorio ad adeguarsi. “Il vecchio sistema — rileva il sindaco Michele Celeghin — era attivo da una ventina d’anni e, ora, ci adeguiamo alle direttive in materiale ambientale. Questo metodo va per la maggiore ed è più funzionale”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette