Home Rodigino Adria Borse di studio e risorse per le start up

Borse di studio e risorse per le start up

Nello scorso mese di gennaio due sono stati gli avvenimenti che hanno dato una scossa alle idee fresche dei giovani adriesi, sia attraverso i riconoscimenti nei confronti del lavoro svolto sia attraverso finanziamenti e agevolazioni per iniziare nuovi progetti. Il primo dei due appuntamenti si è tenuto lo scorso 14 gennaio presso la Sala Consiliare di Palazzo Tassoni dove sono state consegnate le borse di studio “Marino Marin”. Un riconoscimento giunto alla sua 11esima edizione rivolto alla valorizzazione e al premio dei neolaureati che hanno affrontato all’interno della loro tesi di laurea tematiche legate alla cultura locale o comunque facenti riferimento ad argomenti di stampo umanistico. Un incentivo che mira a ricordare il più grande poeta locale dello scorso secolo Marino Marin e che si articola ad anni alterni coinvolgendo di volta in volta studenti universitari o di ogni ordine di scuola. Quest’anno la giuria, presieduta da Mara Bellettato, Consigliere delegato per la cultura e la pubblica istruzione, composta da Antonio Giolo, Gabriella Bocchi Vendemiati, Enrico Noè e Leonardo Raito, ha conferito il I premio alla tesi di Alberto Ruzzante intitolata “Adria. La necropoli di Ca’ Garzoni: corredi funerari di età romana degli scavi del 1969” e il II premio ex aequo alle tesi di Anna Macrì “Odori in Catullo” ed Elena Guarnieri “ Sfruttamento e oppressione in Simone Weil”. Il secondo appuntamento rivolto ai giovani, invece, è andato “in scena” lo scorso 28 gennaio presso il teatro Comunale di Adria con la presentazione dei bandi regionali a sostegno dell’imprenditoria giovanile e femminile approvati dalla Giunta Regionale. Si tratta di risorse messe a disposizione per l’avviamento delle giovani imprese nel territorio del Delta. Lo stanziamento ha cifre importati, infatti si è parlato di 4 milioni di euro a fondo perduto per nuove piccole e medie imprese a partecipazione giovanile e ulteriori 5 milioni di euro per le imprese con maggior partecipazione femminile. All’incontro, che ha riscosso un buon successo, ha preso parte anche il Presidente della Ccia di Rovigo, Lorenzo Belloni, che ha dato informazioni relative al quadro normativo di riferimento che è notevolmente cambiato in seguito al Decreto Legge n. 179/18.10.2012 (Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese) convertito nella L. n. 221/17.12.2012 e che va a normare tutta l’area relativa alla nascita e alla crescita di startup innovative nate da meno di 4 anni ma iscritte nell’apposita sezione del registro entro il 16 febbraio 2013.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette