Home Veneziano Cavarzere Convenzioni sui servizi, due versioni

Convenzioni sui servizi, due versioni

Fa parte dei temi caldi di questo inizio anno a Cavarzere il mancato accordo con il Comune di Cona per l’attuazione di convenzioni con la municipalità cavarzerana. La vicenda era già stata oggetto di discussione qualche mese fa, precisamente a novembre, quando un’interrogazione della consigliere del Partito democratico Marzia Tasso aveva invitato il sindaco Tommasi a pronunciarsi in merito alle possibili convenzioni con Cona.
Il primo cittadino aveva assicurato di essersi attivato per poter cercare di siglare degli accordi con Cona relativi a determinati servizi che però non aveva precisato. Passato qualche mese, è arrivata notizia che il Comune di Cona, obbligato per legge a convenzionarsi con altri comuni, ha sottoscritto ben tre accordi, nessuno dei quali con Cavarzere.
Nello specifico, con Adria Cona ha sottoscritto una convenzione per i servizi catastali, con Chioggia per la Protezione civile e con Piove di Sacco relativamente alla Polizia municipale.
La questione è quindi ritornata d’attualità e da parte delle amministrazioni comunali delle due città vi sono stati diversi interventi, concretizzatisi attraverso comunicati stampa incrociati. Il sindaco di Cavarzere ha confermato l’intenzione già espressa a novembre, ossia quella di continuare a lavorare per la firma di possibili convenzioni con Cona nel corso di questo nuovo anno.
“Le mie dichiarazioni di qualche mese fa — ha detto Tommasi — non si riferivano ovviamente ai servizi per i quali Cona ha già siglato delle convenzioni, visto che a novembre, quando io mi sono espresso, l’amministrazione comunale conense si era mossa da tempo per le tre convenzioni poi siglate e risultava complicato per noi inserirci in un percorso già prossimo alla conclusione, stiamo però lavorando per creare le basi perché, anche relativamente ad accordi di un certo peso, si possa arrivare a una concretizzazione nei prossimi mesi”.
Nettamente diversa la versione data dal primo cittadino di Cona, Anna Berto, la quale ha in questi giorni affermato che un’intesa con Cavarzere è stata più volte cercata dalla sua amministrazione comunale ma, non essendovi stata nessuna risposta dal sindaco Tommasi, il Comune di Cona ha dovuto praticare altre strade.
“L’ultima richiesta di collaborazione con Cavarzere risale ai primi mesi del 2012 — così Berto — in quell’occasione ho dato un termine all’amministrazione comunale di Cavarzere, ho scritto al sindaco che avrei atteso una risposta fino al 31 marzo e poi sarei stata costretta a organizzarmi diversamente”.
La risposta, riferisce il sindaco di Cona, da Cavarzere non è mai arrivata e di conseguenza il piccolo comune veneziano ha cercato collaborazioni in altre direzioni. “Apprendo dalla stampa che il sindaco Tommasi sta lavorando per stringere convenzioni con Cona — aggiunge Berto — il segretario comunale, a onor del vero, mi ha detto che ci sarebbe questa eventualità, ma prima di prenderla in considerazione aspetto di ricevere una proposta di collaborazione seria e concreta da parte del Comune di Cavarzere. Se ciò si verificasse, prenderemo in esame la proposta, insieme alla maggioranza e all’intero Consiglio comunale, e valuteremo se essa sia vantaggiosa anche per Cona, solo allora inizieremo a lavorare per stringere accordi”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette