Home Rodigino Il Passante Nord s’ha da fare

Il Passante Nord s’ha da fare

Nell’edizione n. 151 de La Piazza del mese scorso a pagina 10 è riportata la notizia che la Provincia di Rovigo, presidente Tiziana Virgili, ha inviato una lettera a Veneto Strade S.p.A. nella quale esprime parere negativo per il progetto di “…collegamento tra via Porta Adige e la Statale 16 (Tangenziale Est)…”. L’articolo fa capire che l’attuale Amministrazione propone che il Passante Nord non sia ultimato per “…mutamenti nella infrastrutturazione viaria urbana ed extraurbana del Comune, si pensi al casello di Villamarzana, che pongono non pochi dubbi sulla reale necessità dell’opera.” Tutto questo fa capire che non si tiene conto di cosa chiede la maggioranza dei cittadini della Commenda. Ricordo ai cittadini di Rovigo che il Comitato della Commenda Est ha sempre chiesto che il Passante fosse realizzato su Via Calatafimi secondo il progetto originario, a nord del Ceresolo. In alternativa, si era proposto di realizzare il Passante più a nord con lo sbocco all’incrocio dell’Aliper, per poi passare lungo la ferrovia e arrivare a congiungersi con Via Lina Merlin. Quattro assemblee pubbliche con l’ex-sindaco Merchiori e i gli assessori senza mai avere una risposta. Nello stesso tempo, la Provincia di Rovigo (affermazione dell’ex-assessore Francesco Ennio in una pubblica riunione) ha espresso parere positivo che il Passante Nord sia costruito a sud del Ceresolo attraverso Parco Langer: nessuno allora ha protestato, mentre il Comitato del Quartiere Commenda Est aveva fatto proposte alternative, anche alla Provincia di Rovigo. Evidenzio che l’ente “Provincia di Rovigo” è socio di Veneto Strade S.p.A. e ha un proprio rappresentante nel Consiglio di Amministrazione di detta Società: invece di una lettera “di facciata” è opportuno che il proprio rappresentante si esprima nel predetto Consiglio di Amministrazione. Ora Viale Tre Martiri è diventata l’unica uscita verso est dalla Città perchè è stato chiuso il raccordo di Via Calatafimi con la Tangenziale e Via Stacche è stata chiusa. Tutto il traffico automobilistico è incanalato su Via Benvenuto da Garofolo, Via Costituzione, Via Gino Piva, Via Confalonieri, Via Ippodromo, Via de Polzer, Via della Pace e Viale Tre Martiri: di fronte all’Hotel Cristallo ci sono i cartelli che indicano di girare per Via Benvenuto da Garofolo per andare ad Adria e all’Ospedale. Tutte le famiglie che vivono in quest’area sopportano per l’intenso traffico automobilistico: un inquinamento divenuto insopportabile per i gas di scarico e acustico. Per tanto, il Passante Nord va ultimato. Propongo agli amministratori del Comune e della Provincia che venga indetto un referendum per capire come la pensano i cittadini: se il Passante Nord si deve completare o no”. Sono certo, vinceranno i “si”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette