Home Veneziano Miranese Nord Partono i lavori per il casello sul Passante

Partono i lavori per il casello sul Passante

Obiettivo: aprire al traffico nella seconda parte del 2014. Nelle scorse settimane sono partiti i lavori del casello del Passante tra Cappella e Martellago e che servirà a gran parte dell’area del Miranese nord ma anche quella che ruota attorno a Zero Branco. Un’opera già decisa in sede di progetto definitivo dell’autostrada, ormai aperta cinque anni fa, e inserita in legge obiettivo. Nei mesi scorsi, gli operai si erano concentrati sulla bonifica bellica, di fatto completata a fine dello scorso anno, ma con l’inizio del 2013, si è passati al cantiere vero e proprio. Tutto confermato sugli interventi da edificare. Il casello avrà la forma di diamante rovesciato, sorgerà a cavallo del fiume Dese, e sarà costruito un viadotto lungo 575 metri per collegare l’entrata e l’uscita, oltre a delle rotatorie per favorire l’innesto della circolazione in autostrada. Per accedervi, ci saranno la bretella da via Boschi, tra Martellago e Scorzè, e la tangenziale a nord di Martellago, lunga cinque chilometri e mezzo, che partirà dalla Kelemata sulla Castellana. Confermata l’assenza di sottopassi ma sorgeranno quattro rotatorie: agli incroci con via Canove e in via Morosini a Martellago, via Ponte Nuovo e via San Paolo a Scorzè. A queste vanno aggiunte altre due che Martellago ha richiesto: una tra via Canove e la Castellana a fianco del municipio, l’altra sempre su via Canove ma all’incrocio con via Volta. La rotonda di via Ponte Nuovo sarà spostata più a est, per tutelare Villa Astori. Via libera anche alla complanarina, che sorgerà sul lato est dell’autostrada, dalla Moglianese al casello. Sarà lunga poco meno di un chilometro e sfrutterà l’attuale contro-strada di servizio, che sarà allargata da tre a dieci metri. La rotonda davanti alla Kelemata sarà arretrata a nordovest, fuori dalla proprietà dell’azienda di cosmetica, e saranno abbattute due case. Ma ci saranno anche altre strade che serviranno a raggiungere l’opera. Non a caso, il sindaco di Scorzè Giovanni Battista Mestriner ha chiesto che si vada avanti anche per la tangenziale sud di Martellago, da via Milano, che confluirà proprio sul rondò di via Boschi, per arrivare ad aprirla con il casello. Il progetto è denominato “Variante di Noale e Scorzè alla 515 Noalese, primo stralcio, secondo lotto” ma, di fatto, è la tangenziale sud di Scorzè. Si tratta di una strada a due corsie lunga circa tre chilometri, che collegherà via Milano a via Boschi (Castellana) a Scorzè. Avrà quattro rotatorie, ovvero via Milano e via Boschi (questa già esistente), più via De Gasperi e via Volta (zona via Olmara). Su via Milano e via De Gaspari, il rondò avrà due corsie e un diametro interno di 50 metri, quello in via Volta, stesso diametro ma a tre corsie. In più, ci saranno mitigazioni ambientali e piste ciclabili attorno alle rotatorie. Da via Boschi, poi, dove arriva la bretella di via delle Motte, partirà la strada di accesso al casello del Passante. Garantite anche le mitigazioni ambientali.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette