Home Veneziano Cavarzere Il Pd rimane il primo partito

Il Pd rimane il primo partito

Anche a Cavarzere, l’appuntamento con le elezioni politiche dell’ultimo fine settimana di febbraio era particolarmente atteso e sentito. Ciò che esce dalle urne del Comune veneziano rispecchia i risultati a livello nazionale, con un corpo elettorale frammentato che non si è concentrato in uno o nell’altro schieramento o movimento, diversificandosi nella scelta dei propri rappresentanti in Parlamento.
Per quanto riguarda il Senato, la coalizione di centrodestra ha ottenuto la maggioranza relativa dei voti, complessivamente 2.708 contro i 2.616 del centrosinistra. Se si analizzano invece i risultati dei singoli partiti a svettare è il Partito democratico con 2.265 voti che distacca Popolo della libertà a quota 1.918 e Movimento cinque stelle a 1.890, seguiti da Lista Monti a 736, Lega Nord a 534 e Sinistra ecologia e libertà a 342.
Passando alla Camera, rimane invariata la vittoria di coalizione da parte del centrodestra, anche se il distacco diminuisce con 2.865 voti ottenuti contro i 2.709 avuti complessivamente dai partiti che sostenevano la candidatura di Bersani e gli 898 andati a Mario Monti.
Anche alla Camera il partito più votato a Cavarzere è il Pd con 2.345 preferenze, seguito da Movimento cinque stelle a quota 2.147, Pdl a 2.035, Scelta civica a 697, Lega Nord a 619 e Sel a 352.
Il compito di coordinare la campagna elettorale del Pd era stato affidato dalla segreteria provinciale a Giuseppe Bergantin, affiancato da Elisa Fabian e Otello Piazzon. All’indomani del risultato elettorale, il coordinatore Bergantin ha voluto esprimere un pensiero di ringraziamento agli elettori cavarzerani che, pur nelle difficili circostanze, hanno consentito al Pd di confermarsi il partito di maggioranza relativa a livello locale.
“Esaminati i risultati elettorali e valutate le novità che anche localmente sono emerse con l’affermazione di nuove forze politiche — così Bergantin — il Pd desidera ringraziare gli elettori che gli hanno consentito di ottenere il 25,87 per cento dei voti. Consapevole della responsabilità, che deriva da questo consenso, il Pd assicura di voler dispiegare il proprio impegno sui problemi concreti nell’interesse di tutti i cittadini”.
Bergantin conclude sottolineando che il suo partito è aperto al confronto con tutte quelle forze che intendono rinnovare la politica e contribuire a rendere più trasparente e democratica l’attività di governo a tutti i livelli.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette