Home Veneziano Chioggia La risposta del Sindaco

La risposta del Sindaco

Il pesante attacco di Giuseppe Penzo all’operato dell’amministrazione ha suscitato la reazione del sindaco Giuseppe Casson, che trova assolutamente infondate le accuse del conduttore e opinionista radiofonico.
In primis riguardo al problema economico, che non è certamente una scusa per nascondere “l’inerzia di governo”, come afferma Penzo.
“Il programma è stato elaborato quando la media dei finanziamenti agli Enti locali da parte dello Stato era di circa 15 milioni all’anno — spiega il sindaco – ma la nostra amministrazione ne ha ricevuti solo otto. Ciò ha determinato scelte impopolari come l’applicazione dell’Irpef per poter continuare a garantire almeno i servizi ordinari”.
Senza contare che sono cessati gli stanziamenti della Legge Speciale. Anzi, molto è stato fatto proprio su questo fronte: grazie all’impegno al comitatone a Roma si è riusciti a sbloccare 7,5 milioni che dovrebbero essere impiegati per la salvaguardia del centro storico, in particolare per le calli e per la viabilità a sud di viale Mediterraneo, come prevede una delibera discussa in consiglio comunale. Tuttavia il sindaco, dopo tanti tira e molla da Roma, preferisce aspettare di avere i soldi in cassa prima di gioire.
“Fare bilanci solo dopo un anno e mezzo di governo della città mi sembra del tutto improprio — continua il sindaco — non ci siamo certo adagiati sugli allori in questi mesi. Ogni giorno ricevo tantissime persone e “l’ascolto e il dialogo”, che tanto stanno a cuore a Penzo, non solo sono rivolti alle macroquestioni che sono veicolate dai gruppi e dalle associazioni, ma anche dai singoli cittadini che incontro nel mio ufficio e anche per la strada”.
E in effetti, a sfogliare l’agenda del Sindaco c’è poco da stare allegri in merito a spazi bianchi. Da poco sono state anche sentite le istanze dei pescatori e dei lavoratori della Comet.
“Si tratta di uno stile di governo diverso — spiega Casson — il mio, anzi quello della Giunta e della macchina comunale è un lavoro silenzioso, non amo sbandierare ogni cosa che faccio, ogni iniziativa che viene intrapresa, ogni atto pubblico, come i miei predecessori. Ma ciò non significa che in Comune il lavoro latiti, tutt’altro”.

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette