Home Riviera del Brenta Riviera Ovest Teatro, una stagione di successi

Teatro, una stagione di successi

La stagione teatrale in villa dei Leoni chiuderà nel mese di aprile, gli ultimi appuntamenti sono della rassegna Azioni-Reazioni. E’ ancora presto per fare un consuntivo di fine stagione ma i dati parziali, di metà stagione, sono decisamente buoni: prosa più di 250 presenze medie a serata per circa 170 abbonamenti totali; per la rassegna Famiglie a Teatro tutto esaurito (300 persone) a replica, e circa 190 abbonamenti completi. Per Teatro Scuola tutti gli spettacoli esauriti, con richiesta di ulteriori repliche e per le scuole provenienti da tutta la Riviera del Brenta, Miranese e Comune di Venezia. Gli ultimo appuntamenti sono tre: due a marzo e uno ad conclusivo ad aprile. Venerdì 22 marzo, alle ore 21, le compagnie i Sacchi di Sabbia e Sandro Lombardi presentano: “Grosso Guaio in Danimarca” e a seguire l’”Invasione degli Ultracorpi”. Il primo spettacolo prende spunto dall’Amleto di Shakespeare: al centro dell’opera due loschi figuri sono interrogati su vicende poco chiare che ruotano intorno alla misteriosa morte di Rinaldo, il compagno di Laerte in Terra di Francia. Cosa c’è dietro quella morte? Cosa c’entra questo delitto con le vicende dell’Amleto? Le risposte segnano piste investigative che conducono in Norvegia, alla corte dell’ambizioso Fortebraccio, a Elsinore, e poi di nuovo in Francia. Un diabolico complotto internazionale regge la storia del principe più famoso del mondo, di cui i due sicari sono, senza saperlo, importanti pedine. A seguire lo spettacolo l’”Invasione degli Ultracorpi”, scritto da Giovanni Guerrieri con Gabriele Carli, Giulia Gallo, Giovanni Guerrieri, Enzo Illiano, Giulia Solano. La trama gioca sulla dualità del protagonista, il tema del doppio, dei sosia è molto noto nella storia del teatro e a sfondi sempre comici. La compagnia utilizza questo tema anche per ritrovare un legame con la tradizione teatrale, con la commedia in senso arcaico, quella dei carnevali, delle feste dei folli, dei riti di propiziazione; ma anche cogliendo l’idea dei sostituiti e pensando così a un uomo del futuro. A chiudere la stagione teatrale di Mira, sabato 6 aprile sarà Giuliana Musso con “La Fabbrica dei preti” uno spettacolo che visita la dimensione umana dei sacerdoti, tabù della nostra società, ma sulla quale vale la pena alzare il velo. L’autrice di natali vicentini spiega: “La dimensione umana dei sacerdoti è un piccolo tabù della nostra società sul quale vale la pena di alzare il velo, non per alimentare morbose curiosità ma per rimettere l’essere umano e i suoi bisogni al centro o, meglio, sopra ogni norma e ogni dottrina”. Per informazioni o per prenotare i biglietti si può visitare il sito: www.teatrovilladeileoni.it

Giorgia Gay
Giornalista professionista, nata sulla carta ma con un'anima social e una passione per le web news

Le più lette